La parrocchia “Sacro Cuore” di Casarano ricorda il “suo” don Antonio Minerba

5624
Una nota canzone del musical su Don Tonino Bello intitolato “Sul passo degli ultimi” dice testualmente: “Ogni storia ha una sua fine anche quella più bella che c’è”. Sembrano parole scontate da pronunciare quando termina un’esperienza per iniziarne un’altra; però in questa occasione un’esperienza bella sta per finire ma allo stesso tempo un’altra forse più avvincente e più sfidante si sta affacciando all’orizzonte.
Si perché Tu, Don Antonio, sei abituato alle sfide anche quelle che possono sembrare impossibili e questo il Signore lo ha capito: per questo Ti chiede ora di farti carico di un’altra avventura. In effetti anche quando hai iniziato il Tuo ministero presso la nostra parrocchia (sembra ieri ma sono passati 10 anni) ci dicemmo che la nostra Comunità se ben guidata e soprattutto se incoraggiata, avrebbe risposto in modo esemplare alla chiamata. Se dobbiamo ora fare una sintesi di tutte le iniziative che sono state realizzate in questi anni, devo dire che hai preso alla lettera quelle parole e le hai sposate alla grande, nell’intraprendere progetti nuovi quando ancora quelli precedenti erano in corso d’opera.
Un’instancabile Sacerdote, così resterai nei nostri cuori, convinto che bisogna lottare come un vero pugile per farsi largo e soprattutto raggiungere la meta. Ci hai insegnato a scalare anche le montagne, suggerendoci di non guardare mai la cima, altrimenti sembra tutto difficile ed insuperabile, ma lavorare abbassando la testa e a muso duro, andare avanti fino a giungere alla meta. E sappiamo bene quale sia la vera “meta” nella nostra vita.
Hai fatto vivere alla nostra comunità tante esperienze che sicuramente non dimenticheremo mai e che ci serviranno in futuro, con l’aiuto del buon Dio, per tenere vivo l’entusiasmo nella nostra parrocchia. Spesso ci sentivamo stanchi ed avviliti però Tu sei stato sempre pronto ad incoraggiarci e a spronarci perché, Tu stesso, lo sappiamo bene, venivi spinto dal quel buon Dio con il quale Ti relazioni ogni giorno e che ci ha donato splendide giornate, quando tutte le previsioni volgevano al temporale: quante iniziative salvate dal brutto tempo per questi interventi a dir poco “ Miracolosi”.
Tutte le associazioni della nostra parrocchia: Azione Cattolica, Apostololato della Preghiera, Consiglio Pastorale, Gruppo catechisti, cori, ragazzi, giovani, giovanissimi, gruppo adulti coppie e la comunità tutta Ti sono grati per l’opera svolta perché ognuno nel proprio ambito si sente più ricco e più vicino a quella meta che è nostro Signore.
Ti porterai dalla nostra comunità i vagiti di tutti i piccoli da te battezzati, immortalati in braccio sull’altare a gruppi anche di cinque. Nessuno ha mai osato tanto! 
I sorrisi dei ragazzi della prima comunione e cresima, con le bellissime feste all’aperto organizzate per tutti. I matrimoni e purtroppo anche le divisioni che spesso hanno lacerato l’unità della nostra comunità. È sicuramente un bell’album di ricordi.

La nostra comunità, con Te, ha imparato a vivere “la fede” non quella bigotta ma quella “attiva”. Nessuno era riuscito a tirare dal letto grandi e piccini alle cinque del mattino nelle fredde giornate dell’inverno per far partecipare le famiglie alla Novena del santo Natale; La nostra comunità, tra le tante iniziative ha imparato a festeggiare degnamente la ricorrenza del Sacro Cuore con processione fuochi d’artificio visti solo nelle feste del santo patrono. Oggi sicuramente la nostra comunità è cresciuta spiritualmente e sente il bisogno di vivere “di fede” partecipando attivamente all’Eucarestia.

Alla nostra comunità hai dato anche il senso della Speranza. Come dicevo prima ci hai abituato a non perderci mai d’animo a non scoraggiarci, anche quando “il Carnevale” bisognava organizzarlo in 10 giorni quando ci andava bene. La città di Casarano Ti sarà sempre riconoscente per avergli ridato l’allegria di un Carnevale perduto e di essere riuscito a far gareggiare insieme le cinque parrocchie.
Ultimo ma non meno importante è il riconoscimento per esserTi sempre speso nel condividere le sofferenze degli altri da quel giorno all’ospedale ”Cottolegno” ad oggi. Hai sempre visto nei bisognosi e negli ammalati un mezzo per far vivere alla nostra comunità quello spirito di carità che l’ha contraddistinta nell’affrontare tante situazioni, oggi ben visibili e che resteranno nella memoria di tutti e della nostra città.
Per tutto questo, che sicuramente è un breve sunto rispetto al lavoro e al sacrificio che hai speso per tutti Noi, a nome di Tutti, anche di quelli che per un motivo o per un altro sono lontani; a nome di tutti gli ammalati e dei sofferenti; a nome di chi non c’è più ma che ha dato tanto per la crescita della nostra Parrocchia Ti diciamo GRAZIE.
Ti ringraziamo Signore per il dono del Sacerdozio: questo così importante sacramento è segno vivo della tua presenza sulle strade del mondo.
A-Dio caro don Antonio, veglia sempre sulla tua comunità. Noi pregheremo Dio per te.
Parrocchia Sacro Cuore di Gesù – Casarano