“La mascherina”: una poesia dialettale (e attuale) di Francesco Danieli

507

Nc’è di pannu o di flanella,
ci ti piace… di percalla.
La chirurgica, cce bella!
Nc’è la chic e nc’è la nzalla.

Fincu aprile – cce paura! –
tutti ligi a la misura:
“ci bi la mintìti bbona,
no bi cogghe lu Curona”.

Ma però, ti maggiu a ‘nnanti
– ca spicciara ormai li schianti –
tutt’al più ‘mpesa a lu razzu,
comu fosse ‘na borsetta.

“Su, signora, se la metta”,
dice all’Upim lu cassieri.
“Principale, no la fazzu.
M’ha scurnàta puru ieri”.

Poi zzaccàra balli e soni,
spiagge chene e gente a casa;
carcàti bboni bboni,
comu fiche a la capasa.

Li contagi a dece dece.
E lu sforzu ca si fece,
sacrifici di simàne,
scera spìccianu a puttane.

Francesco (Ciccio) Danieli – Galatone