La laurea al tempo del Coronavirus merita un riconoscimento extra: “Smart graduation day” a Sannicola

697
La cerimonia in Comune (foto di Francesca Calò)

Sannicola – Ha avuto luogo anche a Sannicola la cerimonia legata allo “Smart graduation day”, iniziativa della Regione Puglia e dell’Associazione nazionale comuni italiani, per premiare i giovani che si sono laureati durante il periodo del lookdown. Per i ragazzi quasi un premio di consolazione per essere stati privati della cerimonia di proclamazione della laurea.

Il premio simbolico, offerto dalla Regione Puglia e che sarà recapitato nei singoli Comuni aderenti, è un albero con targhetta personalizzata con il nome del laureato, da piantumare successivamente a cura dei Comuni, ed una pergamena nominativa.

I premiati

A Sannicola il sindaco Cosimo Piccione e l’assessore alla pubblica istruzione Maria Pia Gioffreda hanno consegnato il riconoscimento a Emanuela Calignano (laurea in Infermieristica con tesi dal titolo “Progetto infermieristico di sensibilizzazione alla donazione di midollo osseo: io dono, io sono”), Irene Camisa (laurea in scienze filosofiche con una tesi di Psicologia dal titolo “La clownterapia e i suoi effetti : l’esperienza nell’ospedale “Vito Fazzi” di  Lecce”), Clarissa Giaffreda (laurea in Consulenza pedagogica e progettazione dei processi formativi con tesi dal titolo “Letteratura, teatro e educazione in Edmondo De Amicis”), Niccolò Manzo (laurea in economia aziendale, con tesi dal titolo “Appalti e riciclaggio”) e Christian Marra (laurea  in ingegneria civile, con tesi dal titolo “Caratterizzazione degli ammassi rocciosi per la progettazione di gallerie profonde”).

«Questi giovani Sannicolesi – commentano gli amministratori – che durante il lock down hanno conseguito la laurea in modalità remota, hanno avuto la possibilità di discutere pubblicamente il proprio lavoro di tesi e rivivere l’emozione proprie della cerimonia di proclamazione di Laurea. A loro l’augurio che possano mettere radici forti e crescere personalmente e professionalmente raccogliendo i meritati frutti del loro percorso accademico».