La Casarano Rally Team al Campionato italiano junior con Guglielmo De Nuzzo e Maurizio Iacobelli

734
Guglielmo De Nuzzo

Casarano – La scuderia Casarano Rally Team scalda i motori per un appuntamento di levatura nazionale: Guglielmo De Nuzzo e Maurizio Iacobelli rappresenteranno la società salentina al Campionato italiano rally junior.

Il prossimo 17 aprile il giovane pilota casaranese De Nuzzo correrà al 44° Rally Mille Miglia, prova d’apertura del Campionato italiano. Ad affiancare De Nuzzo nella scansione dei tempi e delle informazioni tecniche di guida ci sarà l’altro salentino Iacobelli (di Acquarica del Capo).

Guglielmo De Nuzzo e Maurizio Iacobelli su Renault Clio S1600 (foto di Leonardo D’Angelo)

Il presidente Carra: “Nostra prerogativa puntare sui giovani”

Classe 1995, De Nuzzo vanta nel suo palmarès la vittoria dei titoli interregionali Under 23 e Under 25 conquistati fra il 2014 e il 2016, mentre nelle ultime due edizioni del Rally Citta di Casarano si è imposto al quinto posto assoluto in coppia con Iacobelli.

Il Campionato italiano rally junior è rivolto a piloti Under 26 e si articola in 6 gare equamente divise tra asfalto e terra. La vettura con cui si presenteranno De Nuzzo e Iacobelli sarà una Ford Fiesta Mk8 R2.

Come scuderia è una nostra prerogativa quella di puntare molto sui giovani – afferma il presidente della Casarano Rally Team Pierpaolo Carra. – Sono convinto che con Guglielmo De Nuzzo ci toglieremo qualche bella soddisfazione, perché dispone di talento e della mentalità ideale per far bene”.

De Nuzzo: “Importante occasione di crescita”

È una grande soddisfazione e sono molto orgoglioso di far parte dei piloti selezionati per comporre la squadra di Aci Team Italia – dichiara De Nuzzo. – Sono felicissimo che la Federazione sportiva Aci mi dia la possibilità di dimostrare le mie qualità confrontandomi con i miei coetanei nel Campionato tricolore di vertice”.

Sarà anche un modo per crescere – prosegue il pilota di Casarano – e per vedere a che livelli sono. Al di là di tutto ciò, so comunque di essere al centro di un progetto importante, ma sono anche consapevole che ci sarà molto lavoro da fare, anche perché sono tutte gare che affronterò per la prima volta. Cercherò di apprendere il più possibile, e spero che il sostegno di tutti (Federazione, team, scuderia, sponsor, navigatore, famiglia e amici) mi possa aiutare a progredire durante tutto l’anno”.