Istituto tecnico per professionisti della moda: sottoscritto l’atto di nascita, Casarano e Nardò in prima fila

1784
Al lavoro al Politecnico del made in Italy di Casarano

Casarano-Nardò – È stato sottoscritto nei giorni scorsi dal Commissario straordinario del Comune di Casarano Rosa Maria Simone, insieme agli altri soci fondatori, l’atto costitutivo della Fondazione senza scopo di lucro “Istituto tecnico superiore per le Nuove tecnologie per il Made in Italy – Ambito specifico – Sistema Moda”.

La Fondazione porterà alla nascita in Puglia di un istituto tecnico superiore (a indirizzo “Tecnologie e Innovazione per il made in Italy”) che offrirà una formazione di alto livello ai giovani che vogliano lavorare nel settore moda. Tra gli altri obiettivi della Fondazione c’è inoltre quello di sostenere l’innovazione e il trasferimento tecnologico alle piccole e medie imprese e di supportare le attività imprenditoriali che operano in questo settore.

I partner del progetto

Della neonata Fondazione fanno parte il Comune di Casarano per il polo della calzatura, quello di Nardò per l’abbigliamento, il Politecnico del made in Italy (scuola di specializzazione per le professioni Moda con sede a Casarano), e fra i soggetti privati l’azienda neretina Barbetta, che opera nel settore dell’abbigliamento di lusso, al servizio delle più importanti case di moda.

Per l’area della Provincia di Lecce hanno aderito inoltre l’Università del Salento, il Cetma (Centro di ricerche europeo di tecnologie design e materiali), istituzioni scolastiche di secondo grado tra cui gli istituti tecnici superiori “Bottazzi” di Casarano, “Don Tonino Bello” di Tricase, “Mattei” e “Lanoce” di Maglie, Banca popolare pugliese, Italiana Fashion Team srl, insieme a molti altri enti di formazione e associazioni anche nella provincia di Taranto (come il Comune di Martina Franca e l’istituto tecnico “Ettore Majorana”, dove ha sede la Fondazione).