Iniziative per aumentare le vaccinazioni. Intanto il Covid ne raggiunge altri 2mila. Niente code davanti a supermarket: “Tutti dentro”

1904

Gallipoli – Nuova impennata di contagiati a domicilio nelle ultime 24 ore in tutta la Regione: il report di ieri ne segnalava 46.605, quello di oggi 48.013. Sono 1.408 in più, a dimostrazione di come il contagio si faccia trasportare velocemente, come non mai in questi ultimi giorni.

Dal dipartimento Sanità della Regione Puglia si ha notizia di altri 2.142 casi (256 nel Leccese) sui 13.636 test eseguiti, per una percentuale di positività del 15,7% (ieri era al 14,5%, in entramb icasi più del doppio del dato nazionale)). I nuovi decessi attribuiti al Covid sono 23 (ieri 25), uno dei quali in provincia di Lecce.

Pasqua e Pasquetta in fila per la vita

La Regione conferma che le giornate di Pasqua e Pasquetta saranno dedicate alla vaccinazione di genitori, tutori, affidatari, caregiver e familiari conviventi di persone con disabilità grave (ai sensi della legge 104 del 1992 art. 3 comma 3), minori di 16 anni (nate dopo il primo gennaio 2005). In tutta la Puglia ad oggi (dato aggiornato alle 15.30) sono state eseguite 638.976 vaccinazioni.

Per quanto riguarda l’Asl Lecce, questa mattina è entrato in funzione questa mattina l’hub vaccinale collocato all’interno della Caserma Zappalà, con otto postazioni per la somministrazione dei vaccini in 400 metri quadrati. Dal 12 aprile sarà uno dei centri vaccinali di riferimento per la città capoluogo.  Oggi a Presicce-Acquarica è stata avviata una vaccinazione extra per 300 ultra 80enni.

Lavori al palazzetto a Casarano

A Casarano sono stati avviati i lavori di adeguamento del Palazzetto dello sport presso la struttura Euroitalia per adibirlo a Punto vaccinale per il Distretto sanitario, ritenuto idoneo dopo i sopralluoghi eseguiti dal personale Asl.

«Ringrazio il gruppo Euroitalia per aver messo gratuitamente a disposizione la struttura. La campagna vaccinale di massa partirà il 12 aprile», fa sapere il Sindaco Ottavio De Nuzzo.

Ingressi senza controlli ai supermercati

La cronaca odierna riporta infine episodi di grande incoscienza in una Puglia(e in una provincia di Lecce che non  è più la meno peggio delle sei. “Niente file davanti ai supermercato, se non di rado. Motivo? “Si arriva e si entra, come sempre”, hanno raccontato a piazzasalento numerosi lettori, indignati. “Nessuno controlla il flusso di clienti (per due giorni di supermarket chiusi, ndr) uno esce e uno entra. E dentro tutti attaccati l’un l’altro”.

Tra i circa 180 contagiati di Gallipoli ci sono anche un parrucchiere ed i suoi clienti. Il primo è risultato alcuni giorni fa positivo dopo un intervento a domicilio per lavoro; i secondi sono stati informati poco dopo dalla positività dell’operatore. Totale: una decina di persone contagiate.