Infermiera 29enne trovata morta in campagna

1789

statale 274

GALLIPOLI. L’hanno trovata intorno alle 6,30 di questa mattina riversa ai piedi di un ulivo, con un piccolo foro alla tempia destra ed il sangue che era fuoriuscito. In una campagna che costeggia la statale 274 (la “Gallipoli – Leuca”), in località “Li Sauli”, sono stati i carabinieri a ritrovare L.P., una giovane di 29 anni, gallipolina, infermiera da due mesi disoccupata. Ad allertarli era stato la sera di lunedì 29 luglio il marito, guardia giurata, allarmato dalla persistente assenza della donna che si era allontanata da casa intorno alle 15. A portare i militari sulla pista giusta è stata l’auto guidata dall’infermiera, una Opel Astra grigia, posteggiata in una piazzola di sosta poco distante dal luogo dov’è stato ritrovato il cadavere.

Accanto al corpo c’era la pistola usata per lavoro dal marito e questo, in un primo tempo, ha fatto pensare ad un ennesimo caso di contrasti familiari sfociati in tragedia. Niente di ciò, a quanto pare. Dovrebbe invece trattarsi di suicidio che potrebbe essere stato originato da uno stato di depressione in cui L.P. era piombata dopo la perdita del lavoro in un laboratorio di Nardò. Aveva un figlio di otto anni.

Indagini sono in corso per accertare eventuali altri particolari della tragedia.