Inderdittiva antimafia: incontro in Provincia sul caso dei licenziati del servizio rifiuti domestici

Riproposto il metodo Brindisi in cui i licenziamenti di Ecotecnica sono stati bloccati

560

Gallipoli – Esportare il “metodo Brindisi” anche nel Leccese ed a Gallipoli: i sindacalisti del Cobas che stanno assistendo i licenziati della Gial Plast dopo l’interdittiva antimafia che ha colpito l’azienda di Taviano operante nel ramo dei rifiuti, insistono e trovano alleati. Sembra essere questo il risultato dell’incontro tenutosi ieri in Comune a Gallipoli, tra Roberto Aprile e Giuseppe Mancarella (Cobas Lecce e Brindisi) e il Sindaco e Presidente della Provincia, Stefano Minerva.

“Non siamo mafiosi, abbiamo bisogno di tornare a lavorare” è lo slogan tradotto in argomenti e rilanciato durante l’incontro di via Pavia, alla presenza anche di una delegazioni di altri dipendenti di altre ditte che si sono £regolate” nella stessa maniera della Gial Plast.

Solo che a Brindisi ad Ecotecnica le parti, azienda in testa, hanno concluso evitando i licenziamenti senza rinunciare a metodi di controllo di eventuali e possibili infiltrazioni della criminalità organizzata nell’ambito del lucroso settore della raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani domestici.

Pubblicità

Il presidente Minerva – si legge nella nota finale del sindacato – ha riconfermato il suo totale appoggio ai lavoratori licenziati ritenendola fin dal primo giorno cosa assolutamente sbagliata, partendo anche dalla conoscenza personale degli otto lavoratori di Gallipoli”.

Dopo aver informato per dovere istituzionale la Prefettura di Lecce, Minerva (nella foto) organizzerà la richiesta riunione in Provincia alla presenza anche di Arpal (Agenzia regionale delle politiche attive del lavoro), Ispettorato del lavoro e sindacati, oltre all’azienda.

Soddisfatti i dipendenti senza più lavoro: “Abbiamo ringraziato il Presidente della Provincia per l’impegno a convocare la riunione, in cui ripongono le loro speranze per poter tornare al lavoro”, dicono in una nota.

 

Pubblicità