In cattedrale a Gallipoli i funerali dell’universitario vittima del crollo di un muro a Bologna

4645

Gallipoli – Si svolgeranno venerdì 30 ottobre nella cattedrale di Gallipoli i funerali del 22enne Francesco Caiffa, deceduto per un assurdo incidente lo scorso 22 ottobre a Bologna.

Il giovane studente universitario si è visto, infatti, crollare addosso il muro sul terrazzo dell’appartamento di via Borgo di San Pietro, che condivideva con altri fuorisede, a causa di quello che appare con un tragico errore di manovra di una betoniera per dei lavori di ristrutturazione in corso nell’appartamento adiacente. Caiffa era insieme ad altre persone, una delle quali gravemente ferita agli arti inferiori, ed è morto in seguito ai gravissimi traumi riportati malgrado il disperato tentativo dei medici dell’ospedale “Maggiore” di salvargli la vita.

Il dolore in città

A distanza di una settimana, resta sempre grande il dolore che ha colpito la comunità cittadina di Gallipoli, dove Francesco era conosciuto e amato per il suo carattere docile e affettuoso, come tutti lo ricordano. In tanti, e in vari modi, sono stati accanto ai genitori Salvatore Caiffa e Anna Ivagnes, ai fratelli Luigi e Marco e a tutti i parenti. A portare una carezza di conforto in un momento di tale dolore c’è la consapevolezza che l’assurda morte di Francesco ha permesso ad altre persone, grazie alla donazione degli organi, di guardare con occhi diversi alla vita.

La celebrazione esequiale si terrà venerdì 30 ottobre alle ore 15.30 presso la basilica cattedrale di Sant’Agata, dove la salma giungerà alle ore 9.30. Nel rispetto della normativa anti-contagio, quanti vi prenderanno parte sono tenuti a rispettare le dovute distanze e ad evitare assembramenti di ogni tipo. Viste le disposizioni ministeriali, non si terranno le condoglianze ed il corteo funebre.