In bici per sentieri: divertimento e agonismo garantiti con i bikers di “Terra russa”, prima nuova associazione di Presicce-Acquarica

1898
Presicce-Acquarica – Si torna a casa (spesso) pieni di fango, ma la soddisfazione che se ne ricava è impagabile per i bikers del gruppo “Terra russa”, cui va anche il merito di essere la prima nuova associazione di Presicce-Acquarica dopo la fusione. Partita come un semplice raduno tra amici, l’associazione si sta allargando sempre di più tanto che ora sono 30 gli aderenti (di cui 19 soci fondatori). Il numero di appassionati è però destinato a salire, accogliendo anche amici dai paesi limitrofi.
«Il nome è un omaggio alla nostra territorio, volevamo un nome che descrivesse le nostre strade di campagna e la nostra caratteristica è che la terra è di un colore rosso intenso, con qualche striatura più chiara, così come presente sulle nostre maglie», afferma il vicepresidente Carlo Ricchiuto. Le divise sono arrivate da poco e le si vedono già sfrecciare nelle stradine di campagna, non solo la domenica.

Gli obiettivi

«Non abbiamo la presunzione di vincere gare e non siamo fanatici della preparazione atletica. Il nostro motto – continua Ricchiuto – è “ride and fun”, ovvero agonismo ma sempre con divertimento. Perché la bici per noi è prima di tutto un modo per evadere, per stare a diretto contatto con la natura».
Il sodalizio intende dedicarsi prima di tutto al “work out”, ovvero l’allenamento vero e proprio: per questo verranno organizzati gruppi per ogni livello di preparazione con la fondamentale “uscita” domenicale. C’è poi il “race team” rivolto a chi vuole intraprendere l’attività agonistica. Nel gruppo ci sono già alcuni elementi che hanno intenzione di partecipare alle gare (Xc, granfondo e marathon) e appena sarà il momento per loro verranno organizzati degli allenamenti particolareggiati.
In estate verrà proposto il “night express”, ovvero le uscite notturne proprio nelle stradine dove è assente qualsiasi fonte di inquinamento luminoso. E infine, appena sarà possibile, anche il “Terra russa bike tour”, un giro in mountain bike allo scopo di far conoscere il lato più nascosto e altrettanto affascinante del Salento, alla scoperta di angoli e spazi che in pochi conoscono.
«Attiveremo il prima possibile dei servizi di guida turistica per chi viene qui a trascorrere le vacanze e vuole concedersi un’esperienza diversa – spiega Ricchiuto – e proprio questa attività ha riscontrato il vivo interesse specie nei nostri sponsor, che ci stanno appoggiando senza riserve, e non ce lo aspettavamo, visto il periodo che stiamo attraversando».
Quanti intendono aderire possono farlo attraverso le pagine social dell’associazione, intanto al classico appuntamento delle 8 del mattino della domenica sono tutti ben accetti, per un  giro che dura circa 4 ore. Chiaramente bisogna avere tutta l’attrezzatura necessaria, e non aver paura di sporcarsi. Anzi.