Imprese e benefici fiscali, Gallipoli si candida per l’Area Ionica della “Zona economica speciale”

799

Gallipoli – Il Comune di Gallipoli ha presentato nei giorni scorsi il progetto per includere la città nella Zona economica speciale dell’Area Ionica rispondendo all’avviso pubblico rivolto agli Enti locali per l’attribuzione delle aree residue e non assegnate delle Zes “Ionica” e “Adriatica”.

«La Zes individua zone del paese collegate ad una area portuale, destinatarie di importanti benefici fiscali e semplificazioni amministrative, che consentano lo sviluppo di imprese già insediate e che si insedieranno, attraendo anche investimenti esteri», si legge in una nota di Palazzo di Città.

L’area “d’interesse” riguarda 88,85 ettari

Gallipoli, non rientrando in prima analisi nella perimetrazione delle due Zone interregionali, quella ionica è quella adriatica, ha presentato un’istanza finalizzata a candidare porzioni del proprio territorio nella Zes Interregionale Ionica. L’area ionica individuata come “d’interesse” riguarda 88,85 ettari.

«Abbiamo presentato telematicamente la domanda – afferma il sindaco Stefano Minerva – candidando la nostra area industriale connessa funzionalmente all’area portuale gallipolina. Essere inclusi nelle Zes non potrà che essere un vantaggio per Gallipoli, sia dal punto fiscale che in termini di semplificazione amministrativa per le imprese del territorio».