Impianti sportivi e inclusione: varata la graduatoria per assegnare ai Comuni quasi 18 milioni di euro

1775

Gallipoli – Varata la graduatoria finale dell’avviso pubblico per il potenziamento del patrimonio sportivo delle Amministrazioni comunali per il 2019. A 180 Comuni pugliesi vanno circa 18 milioni; 78 i comuni beneficiari della provincia di Lecce (nella foto il presidente Emiliano e l’assessore Piemontese).

La graduatoria deriva da finanziamenti del Por Puglia 2014-20 Asse IX “Promuovere l’inclusione sociale, la lotta alla povertà e e ogni forma di discriminazione”. La sottoscrizione è avvenuta ieri tra il presidente della Regione Michele Emiliano, l’assessore al Bilancio e allo Sport, i rappresentanti degli Enti locali.

Dove andranno i fondi nel Leccese 

Questi i paesi destinatari dei finanziamenti: Tiggiano, Castro, Montesano Salentino, Zollino, Arnesano, Miggiano, Carpignano Salentino, San Cesareo di Lecce, Campi Salentina, Parabita, Giurdignano, Lizzanello, Andrano, Minervino di Lecce, Vernole, Muro Leccese, Surano, Martignano, Maglie, Spongano, Ortelle, Poggiardo, Nociglia, Santa Cesarea Terme, Corigliano d’Otranto, Lequile, Taviano, Alliste, Sannicola, Alessano, Racale, Collepasso, Castrignano de Greci, Taurisano, Matino, Cavallino, Palmariggi, Cannole, Diso, Copertino, Monteroni, Bagnolo del Salento, Casarano, Caprarica di Lecce, Leverano, Soleto, Giuggianello, San Donato di Lecce, Castrignano del Capo, Galatina, Melissano, Specchia, Tuglie, Salve, Sanarica, Martano, Ruffano, Tricase , Neviano, Aradeo, Alezio, Trepuzzi, Cursi, Lecce, Melpignano, Novoli, Salice Salentino, Galatone, Seclì, Calimera, San Pietro in Lama, Corsano, Ugento, Cutrofiano, Sternatia, Nardò, Supersano, Porto cesareo , Castrì di Lecce.

Gli obiettivi raggiunti “Potenziare la rete degli impianti sportivi pubblici e privati è stato un grande investimento in buona vita – ha detto l’assessore al Bilancio e allo Sport della Regione Puglia Raffaele Piemontese – in questo modo abbiamo intrecciato gli effetti positivi sul piano sociale, della salute e dell’attrattività delle nostre comunità. Ai 180 Comuni finanziati oggi si aggiungono i finanziamenti a cento Comuni per 8 milioni di euro e 10 milioni di euro sugli impianti sportivi privati. Altre risorse, per complessivi 2 milioni e 600 mila euro – ha concluso Piemontese – le abbiamo indirizzate a 100 impianti sportivi dal 2015 e il 2018. E 700 mila euro di contributi regionali hanno reso possibile l’attivazione di mutui per oltre 2 milioni e 700 mila euro con l’Istituto di Credito sportivo”.

A cosa serviranno

Il finanziamento regionale di cui si parla copre le spese per la realizzazione ex novo di un impianto sportivo o di un’area sportiva attrezzata, destinati ad ampliare e migliorare l’offerta di attività o servizi; la riqualificazione di un impianto sportivo o un’area sportiva attrezzata esistente, per un recupero funzionale, un abbattimento delle barriere architettoniche, funzionale alla fruibilità anche da soggetti con disabilità e un adeguamento alle norme di sicurezza e igienico-sanitarie, ivi incluse quelle nazionali e regionali in materia di sicurezza degli impianti sportivi e degli spogliatoi.