Impianti industriali, siti inquinati e tutela dell’ambiente: “Si richieda la Valutazione di impatto sanitario”

295
Sergio Blasi

Maglie – «Invito la Asl e gli enti impegnati nelle varie conferenze dei servizi in corso in tutta la provincia di Lecce per il rinnovo della Via, di pretendere la Valutazione di impatto sanitario quale imprescindibile elemento di supporto alle decisioni amministrative».

In seguito alla diffusione dei dati, per molti versi allarmanti, del Report ambiente e salute della Provincia di Lecce, è il consigliere regionale Sergio Blasi (Pd) a ricordare come per il rilascio delle Valutazioni di impatto ambientale (Via) per tutte le tipologie di impianti industriali, è ora previsto dalla legge regionale anche l’esecuzione di una Valutazione di impatto sanitario (Vis), “che prende in esame tutte le emissioni, anche quelle di impianti non soggetti ad Aia, in particolare per quanto riguarda le aree industriali di Galatina-Soleto e dell’area industriale del comprensorio di Maglie”, spiega Blasi.

“Ambiente e cittadini da tutelare”

«Nella legge di Bilancio 2019, infatti, il Consiglio regionale ha approvato un mio emendamento che introduce la Vis nell’iter tecnico e amministrativo della Via, affinché il tema della tutela della salute dell’uomo sia tenuto adeguatamente in considerazione nelle valutazioni ambientali di competenza regionale. Nessuna forzatura – conclude il consigliere regionale – lo prevede la legge. Già solo rispetto di questa legge ci farebbe fare un bel passo avanti nel monitoraggio ambientale del nostro territorio e nella tutela della salute di tutti i cittadini».