Il “Servizio civico” contro le povertà

1304
Il Municipio

Galatone. Con lo scopo di contrastare la povertà e permettere un reinserimento sociale alle persone e ai nuclei familiari che versano in grave stato di precarietà economica, l’Amministrazione comunale ha istituito il “Servizio civico”. Si tratta di una forma di assistenza alternativa all’assegno economico che si ottiene attraverso lo svolgimento volontario di servizi di pubblico interesse per la collettività (custodia, vigilanza e pulizia di strutture pubbliche, aiuto e accompagnamento di persone disabili o anziane).

Possono accedere al servizio le persone di età compresa tra i 18 e i 65 anni, privi di occupazione, in possesso della residenza nel Comune da almeno 24 mesi e con un valore Isee non superiore ai 5mila euro annui.

Ai soggetti, scelti in base ad una graduatoria, sarà corrisposto un assegno economico mensile di 300 euro, a titolo di contributo assistenziale, per 50 ore mensili.

Per essere inseriti nella graduatoria i cittadini interessati dovranno presentare presso i Servizi sociali del Comune un’apposita istanza, redatta su modulo predisposto, in cui dovranno dichiarare la composizione del nucleo familiare, il valore Isee e lo stato di disoccupazione dei componenti del nucleo familiare alla data della domanda.

SR