Il Polo 2 di Gallipoli celebra Dante inviando nello spazio gli elaborati degli studenti

599
Lucilla Vaglio

Gallipoli – L’Istituto comprensivo Polo 2 di Gallipoli ricorda il settecentenario della morte di Dante Alighieri con un serie di iniziative inserite nell’ambito della rete “Unesco scuole associate Aspnet”. «”E quindi uscimmo a riveder le stelle”, l’ultimo e famosissimo verso del XXXIV canto dell’Inferno, è il titolo scelto per un percorso formativo che vede protagonisti i  bambini della scuola dell’Infanzia e gli alunni di Primaria e Secondaria I grado in un susseguirsi di attività particolarmente originali che hanno come sfondo l’Universo», fanno sapere dall’istituto diretto da Lucilla Vaglio.

Prendendo spunto dall’immagine dantesca delle stelle che ricorrono alla fine di ogni cantica della Divina Commedia, gli alunni reso omaggio all’universalità e all’eternità dei versi del Sommo poeta “inviando” i loro elaborati nello spazio, utilizzando come canale comunicativo il codice delle trasmissioni radio. Grazie alla preziosa collaborazione del Parco Astronomico Sidereus (di Salve) e della strumentazione messa a disposizione dei piccoli allievi, i componimenti saranno inviati precisamente verso le Pleiadi, “dove nessuno, mai, potrà cancellarli”.

I “Dantenauti” all’opera

«I nostri “dantenauti” – affermano da scuola – hanno realizzato pregevoli lavori a tema, operando in contesti di apprendimento di pura sperimentazione creativa, in cui le diverse forme espressivo-artistiche, dalla musica, al teatro, all’arte visiva e performativa, si sono interfacciate con le nuove tecnologie». Spazio, dunque, a letture virtuali, recite di terzine, presentazioni multimediali, elaborati grafici, performance dedicate, lavori interattivi e digitali.

Gli alunni delle seconde classi della scuola secondaria I grado, con la collaborazione di Salento ballet art studio (di Taviano), sono stati coinvolti in una performance di recitazione e teatro-danza, in modalità a distanza, ispirata ai versi “Vuolsi così colà dove si puote / ciò che si vuole, e più non dimandare“, programmata proprio per la giornata del Dantedì del 25 marzo.

La fase finale del progetto è prevista verso il termine dell’anno scolastico quando, con la collaborazione del Comune di Gallipoli, verranno installate delle “panchine letterarie”, dedicate a Dante Alighieri, nella piazza antistante l’edificio scolastico di piazza Carducci, “un modo, un po’ diverso ma molto efficace e significativo, per promuovere il piacere della lettura e l’amore per la bellezza che ogni opera d’arte reca in sé”.