Il poeta allistino Vito Adamo trionfa al “Premio Alda Merini”

778
Vito Adamo

Alliste – È in tempi complicati come questi presenti che si può apprezzare di più il valore consolatorio della poesia, fonte di bellezza e speranza. E si confermano ricchi di speranza i versi del poeta allistino Vito Adamo, vincitore di un nuovo prestigioso riconoscimento nell’ambito del “Premio nazionale di poesia e narrativa Alda Merini”.

L’autore salentino ha trionfato nella sezione “Silloge inedita” con la sua raccolta intitolata “In quest’infinito”.

Adamo: “La poesia ha la funzione sociale di scuotere le coscienze”

Sono particolarmente affezionato a questo premio letterario, ho sempre partecipato fin dalle prime edizioni ricevendo grandi soddisfazioni – spiega Adamo. – La mia raccolta di poesie rappresenta un viaggio nel presente con spunti di riflessione che partono dal mio vissuto, cercando di mettere a fuoco sensazioni e sentimenti che possano essere condivisi dal lettore: credo che la poesia abbia una funzione sociale, quella di scuotere le coscienze, infatti all’interno della silloge vengono affrontati dei temi di stringente attualità come l’immigrazione, la violenza sulle donne e la giustizia sociale”.

A esaminare le opere pervenute alla quinta edizione del concorso è stata una giuria di esperti composta da Mina Rusconi, Claudio Sara, Lietta Morsiani, Alessia Sorgato, Hafez Haidar, la presidente onoraria Emanuela Carniti Merini, i presidenti esecutivi Rodolfo Vettorello e Marina Pratici, la presidente del premio Melina Gennuso.

L’emergenza sanitaria ancora in atto non ha consentito lo svolgimento in presenza della cerimonia di premiazione, che avrebbe dovuto tenersi a Imola e che è invece rimandata a data da destinarsi.