Il maestro Enrico Tricarico stringe i legami tra Gallipoli e l’Argentina con il libro sul compositore Giovanni Monticchio

1313
[bsa_pro_ad_space id=31]

Gallipoli – A cura della confraternita gallipolina di Maria SS. del Monte Carmelo e della Misericordia, e della “Rete artisti spettacolo per l’innovazione”, è in libreria, fresco di stampa, l’ultimo lavoro del maestro Enrico Tricarico (scritto in collaborazione coi fratelli argentini di origine gallipolina Claudia e Pablo Joshue Fazio Monticchio), dal titolo “Giovanni Monticchio”, di cui sono discendenti i coautori dell’opera.

Con introduzione di Enzo Della Rocca (priore della confraternita) e la prefazione del musicista e compositore Alessandro Gazza, il libro (104 pagine) è edito da “Glissato edizioni musicali” di Francesco Leone, è scritto nella doppia lingua italiana e spagnola (per consentirne la diffusione anche in Argentina, dove risiedono diversi discendenti della famiglia Monticchio), ed è disponibile in formato eBook.

[bsa_pro_ad_space id=23]

L’autore

«Imbavagliati dal maledetto Covid non abbiamo potuto presentare l’ultimo libro sul compositore gallipolino Giovanni Monticchio. È un libro – dice l’autore – che non può mancare nelle librerie degli storici e dei musicisti, ma arriverà il momento che lo presenteremo. Per Gallipoli – conclude Tricarico – è un orgoglio sapere che lì in Argentina ci sono persone e musicisti di origine gallipolina. Grazie a Claudia e Pablo Joshue Fazio Monticchio, talentuoso musicista anche lui, artefici di questo incontro fra “due mondi” vicini e lontani allo stesso tempo».

Nonostante la giovane età (è del 1981) Enrico Tricarico ha già una solida esperienza musicale alle spalle e non è questa la prima volta che si cimenta anche come scrittore: ha all’attivo infatti  numerosi saggi, pubblicazioni e cd, specie con riferimento alla storia e alla cultura musicale di Gallipoli. Direttore dell’orchestra “Terra del Sole”, organista presso la cattedrale di Sant’Agata a Gallipoli, e docente presso il liceo coreutico “E. Giannelli” di Parabita, è anche direttore artistico del concorso musicale “Giuseppe Tricarico” (altro illustre compositore gallipolino dell’età barocca) e del festival “Terra tra due mari”. Intensa pure la sua attività concertistica in Italia e all’estero, tra cui Salisburgo, Roma, Colonia, Valona, Bad Salzuflen, Parigi, Praga, Bruxelles.

Pablo Joshue Fazio Monticchio (42 anni) è pianista e organista: si è diplomato come maestro nazionale di musica presso il “Centro polivalente de arte” (liceo artistico) a San Rafael ed è laureato in pianoforte e organo. Si è esibito come musicista solista e accompagnatore per cantanti, cori, strumentisti e gruppi strumentali, sia in Argentina che in Cile. Claudia Yanina Fazio Monticchio (38 anni) è invece costumista e si è diplomata in danza classica e contemporanea, presso il Centro polivalente de arte, a San Rafael.

Giovanni Monticchio (1852-1931), assieme ai coevi Vincenzo Alemanno e Francesco Luigi Bianco rappresenta un “unicum” per la cultura musicale salentina. Le loro opere rivivono a Gallipoli, tra marce e oratori sacri, nel periodo che va dal venerdì che precede la domenica delle Palme (memoria dell’Addolorata), sino a tutto il venerdì santo (con la processione dei Misteri) e al mattino del sabato santo (con la processione della Desolata).

[bsa_pro_ad_space id=6 crop="no"]