Il giornalismo di qualità ad Alezio con il “Premio Maglio”: ecco tutti i vincitori. A Ruben Razzante il premio alla carriera – DIRETTA FACEBOOK SU PIAZZASALENTO

1220
Antonio Maglio

Alezio – Il mondo del giornalismo si dà appuntamento sabato 5 settembre ad Alezio, per la nona edizione del Premio Maglio: alle ore 19.30, nella piazza antistante il museo messapico intitolata al giornalista aletino Antonio Maglio (scomparso nel 2007 a Newcastle), verranno assegnati i riconoscimenti a coloro che – fra inchieste e una carriera giornalistica di primo piano – tengono alta la voce dell’informazione. Diretta dell’evento sulla pagina Facebook di Piazzasalento.

La serata, condotta dal giornalista Marcello Favale, si aprirà con i saluti del presidente dell’associazione Maglio Giacinto Urso e del Sindaco di Alezio Andrea Barone. Le conclusioni saranno affidate al presidente onorario della stessa associazione, il prefetto Carlo Schilardi. Invitati alla serata il presidente dell’Ordine nazionale dei Giornalisti, Carlo Verna, e il segretario generale della Federazione nazionale della Stampa, Raffaele Lorusso.

I premiati 

Ad aggiudicarsi il Premio Maglio 2020 è Francesco Strippoli, caposervizio dell’edizione di Puglia del “Corriere del Mezzogiorno”, con l’articolo “I tagli alla sanità, leggere la storia”, pubblicato sulla testata per la quale lavora.

Secondo posto a pari merito per Gaetano Campione con l’inchiesta “Un mare di droga dall’Albania” (uscito su “La Gazzetta del Mezzogiorno”); e Nicola Lavacca con l’intervista “Io sono qui per amore dei bambini” (pubblicata su “Famiglia Cristiana”), che racconta la storia di una psicologa tornata a Taranto per assistere i bambini malati di cancro.

Premio alla carriera a Ruben Razzante

Ruben Razzante

Giornalista professionista dal 1998, il tarantino Ruben Razzante è docente in prestigiosi atenei (fra cui l’università Cattolica di Milano) ed esperto di levatura internazionale sui temi legati al rapporto fra comunicazione, informazione e nuove tecnologie. Inoltre nell’aprile di quest’anno, con decreto del sottosegretario all’Editoria Andrea Martella, Razzante è stato nominato membro esperto dell’Unità di monitoraggio per il contrasto alla diffusione di fake news relative al Covid-19 sul web e sui social network. Il prof. Razzante è stato inoltre tra i relatori del Festival del giornalismo locale (Figilo) che si tiene a Gallipoli a fine gennaio.

La pandemia – commenta Razzante – ha reso ancora più decisivo il ruolo dell’informazione professionale. I giornalisti sono chiamati ad un supplemento di verifica delle notizie riguardanti la salute, bene primario dei cittadini. Sono grato ai promotori del Premio Maglio per avermi insignito di questo riconoscimento. Mi auguro di poter contribuire ancora più efficacemente, nei prossimi anni, alla difesa dell’originalità del lavoro giornalistico e della qualità dell’informazione, sia come editorialista che come studioso e docente di diritto dell’informazione”.

C’è tanto da fare – prosegue Razzante – sul piano giuridico, deontologico, tecnologico e culturale per potenziare le garanzie della democrazia dell’informazione, sempre minacciate dall’invadenza di altri poteri che minano l’autonomia e l’indipendenza del mondo editoriale”.

Riconoscimenti anche a chi valorizza il territorio

Attilio Caroli Caputo

Nella sezione “Comunicare il Salento”, targa di merito ad Attilio Caputo, imprenditore del settore alberghiero-turistico e direttore generale del Gruppo Caroli Hotels per l’eccellenza che rappresenta nel campo dell’accoglienza e della promozione del territorio.

Una menzione speciale, poi, a Nicola De Paulis, leccese, che scrive di storia e archeologia nel Salento: il riconoscimento arriva per l’articolo “Giulio Acquaviva, l’eroe che morì contro i turchi” (uscito sul “Nuovo Quotidiano di Puglia”), in cui si racconta un episodio legato alla conquista di Otranto nel 1481.