Il giardino ora sarà di tutti

2095

castello ducale d'amato interni (14)Seclì. Quelli che un tempo erano i giardini privati di palazzo Sanseverino, il castello di Seclì, sono ora patrimonio di tutta la comunità.

Per il sindaco Luigi Negro e per l’assessore ai Lavori pubblici Armando Rondinella, si tratta di un altro significativo risultato raggiunto nel loro impegno amministrativo. La  trasformazione del castello in un bene comune è stata possibile con i fondi europei gestiti dalla Regione Puglia, grazie al progetto di “Rigenerazione urbana” con il finanziamento Fesr (Fondo europeo di sviluppo regionale) da 750mila euro.

Il castello è chiaramente l’edificio più importante di Seclì acquisito dal Comune negli anni ’80.  Adiacenti al palazzo, i giardini erano da secoli pertinenza privata e di  conseguenza chiusi al pubblico. Con questo progetto, oltre ad aver allargato i giardini di circa 3.000 metri quadrati, acquisendo nuovi terreni, si è eliminato il muro di cinta, realizzando al suo posto un marciapiede largo cinque metri e lungo circa 300 che, di fatto, ha messo l’intero palazzo al centro della viabilità del paese.

Oltre al completamento di quest’opera,  è stata ripavimentata tutta la piazza antistante al castello e risistemata tutta l’impiantistica, con l’obiettivo  di valorizzare il centro storico e attirare investimenti privati, che puntino a ristrutturare anche gli edifici circostanti. L’area dei giardini è stata predisposta anche  per la realizzazione della “Sagra della carne de cavaddru”, che è l’evento più conosciuto e atteso della “Festa estate” di Seclì, il programma allestito dall’Amministrazione comunale per allietare le serate ed attrarre turisti. Proprio per poter meglio gestire ed organizzare gli eventi musicali è stato creato una sorta di anfiteatro all’aperto, che prevede nel suo centro l’orchestra e tutt’intorno gli stands. Il progetto prevede, inoltre, la realizzazione di una sala musicale direttamente connessa alla sala biblioteca. In questo periodo, tuttavia, i libri della biblioteca sono stati (ma solo temporaneamente) spostati dall’ex Municipio di piazza San Paolo (altra struttura che necessita di importanti interventi strutturali) in una sala del castello, in attesa del completamento dei locali al pianoterra del castello che, grazie ad una bellissima ed ampia vetrata, permetteranno una visione completa dei giardini.

Nel frattempo il Comune provvederà a ristrutturare per altri scopi e con altre funzioni la vecchia sede municipale, le cui opere sono state già aggiudicate alla ditta Guida di Copertino, che inizierà a breve i lavori.