Il “Galilei” incontra l’India egli indiani

1075

nardo galileiNARDÒ. “Far or near? A cultural journey linking India and Italy”: questo il nome del progetto lanciato quest’anno dallo Scientifico del “Galileo Galilei”, con l’obiettivo, come da manifesto, di collegare i due Paesi attraverso un reciproco viaggio culturale. Lunedì scorso nella sede di via Ferri dell’istituto diretto da Emilia Fracella la prima videoconferenza con la “Him Academy High School” di Hamirpur, nella parte settentrionale della penisola asiatica. «Lo scopo del progetto è quello di comparare gli stereotipi nazionali con la cultura locale della nostra scuola partner – spiega il docente di inglese Pasquale Mariano, responsabile dell’iniziativa – la vita di ogni giorno, la gente comune, il cibo, le scuole, gli sport, norme e valori, e l’impatto dei nuovi cambiamenti culturali sulla nuova generazione». Prima della fine di quest’anno gli scambi culturali di livello linguistico e tradizionale si uniranno quelli di oggetti e prodotti tipici simbolici delle due terre. Ad aprile gli studenti del Galilei attendono poi i loro compagni indiani, che nel corso di questi mesi avranno modo di conoscere tramite una serie di videoconferenze e chat di gruppo. «Incontrando altre culture i nostri giovani studenti potranno così imparare gli uni dagli altri, acquisendo informazioni utili ed ampliare i loro orizzonti», conclude Mariano.