Il focolaio non si spegne: saliti a 12 i contagiati nell’ospedale di Gallipoli. Decine i tamponi ancora da esaminare AGGIORNAMENTO

23660

Gallipoli – Sono saliti a 12 i contagiati da Coronavirus nell’ambito dell’ospedale “Sacro cuore” di Gallipoli. Lo ha comunicato, con l’ormai consueto aggiornamento quotidiano, il Sindaco Stefano Minerva che lascia purtroppo intravvedere altri casi positivi tra le decine di tamponi in attesa di essere esaminati.

I tre ultimi a risultare positivi sono dipendenti dell’Asl tutti di Gallipoli e un paziente. Ma già da altre fonti si parla di quote superiori ormai raggiunte e da ufficializzare. Quota che peraltro potrebbe essere anche superata, considerato che solo nella giornata di ieri sono stati effettuati altri tamponi ad una ventina di addetti e degenti.

Oltre al reparto di Medicina, chiuso e culla del primo caso accertato già il 20 marzo scorso, al Pronto soccorso (chiuso e sanificato nel giro di 24 ore e subito riaperto), prelievi a tappeto sono stati fatti in altri reparti dell’ospedale come Pneumologia, Chirurgia, Rianimazione fino a Radiologia.

“Non smettono di arrivare i risultati degli altri tamponi. La maggiore parte di quelli effettuati sono, per fortuna, negativi ma il numero di quelli positivi comunque cresce”, ha scritto un’ora fa Minerva. “il numero attuale di tamponi positivi a Gallipoli – ha proseguito – è pari a 11. Un dato che potrebbe variare poiché arrivano senza sosta gli esiti”.

“Sperando che i casi rimangano sempre limitati – conclude il Sindaco – continuiamo a mettere in campo tutte le azioni possibili per aiutare e sostenere i gallipolini”. Il riferimento è ad altre iniziative di solidarietà in arrivo (se ne parla in altro articolo).

Quanto la struttura ospedaliera possa reggere in simili condizioni non è dato di sapere,m come difficile risulta tenere il conto dei test in attesa di giudizio. Fatto sta che il vicino ospedale di Copertino, sotto il peso di quasi cento addetti spediti in quarantena e isolamento, ha chiuso i battenti.

Il “San Giuseppe di Copertino” ha riaperto solo una sezione da venti posti letto per accogliere i malati da Covid 19 che hanno superato la fase acuta. Il Pronto soccorso è ancora bloccato e, con esso, tutto il resto dell’ospedale.