Il Covid che viene da fuori regione: tendenza confermata da altri 20 casi. Rientri “positivi” pure da Germania e Oman. Riparte la campagna #iorispettoleregole

1475
Gallipoli

Gallipoli – Ieri 26 neocontagiati, oggi venti; nessun decesso né ieri né oggi; l’infezione portata in Puglia da vacanzieri (Lombardia per lo più) e da rientri dall’Estero (Nord della Spagna, Malta, Grecia, Oman, Germania). L’andamento prevalente dell’epidemia sembra essere questo, a parte il caso di quattro extracomunitari della tendopoli di Borgo Mezzanone (Foggia) andati in ospedale per altro e risultati positivi al Covid 19.

Dopo due mesi si registra un ricovero in Terapia intensiva di un foggiano mentre riprendono a salire lievemente i ricoveri in ospedale (malattie infettive per lo più). Gli altri dati odierni dicono di 9 casi a Bari, 2 nella Bat, 1 a Foggia, 6 nel Leccese (il totale dei positivi adesso sfiora i 600), 2 nel Tarantino.

Grecia e Malta, vacanze sotto osservazione 

“I casi odierni registrati in provincia di Lecce sono connessi a casi già individuati nei giorni scorsi – afferma il direttore generale dell’Asl Lecce, Rodolfo Rollo – di cui 2 sono legati al gruppo di giovani pugliesi rientrati dalla Grecia, un giovane rientrato da Malta, 2 sono stranieri domiciliati nelle aree di isolamento di un centro di accoglienza gestito dalla Croce Rossa. La situazione è sotto controllo – ribadisce il dirigente – il Dipartimento di Prevenzione prosegue le attività di tracciamento e ha isolato tutte le persone con cui i soggetti positivi sono entrati in contatto”.

Questa l’ultima fotografia scattata sulla provincia di Bari: “I 9 casi di positività registrati oggi in provincia di Bari fanno riferimento a cittadini pugliesi rientrati da zone di vacanza e da regioni italiane in questo momento con una più alta concentrazione del virus in particolare da Grecia, Malta e Lombardia. Tutti i soggetti positivi – prosegue il dg Antonio Sanguedolce – sono stati individuati dal sistema di sorveglianza epidemiologica attivato dal nostro Dipartimento di prevenzione tramite autosegnalazione”. Nella provincia Barletta-Andria-Trani è una donna pugliese il caso positivo, rientrante da Malta ed ora in ospedale.

Si abbassa l’età media dei contagiati

Intanto l’eta media dei positivi al coronavirus si abbassa, da 56 a 42 anni, a conferma della tendenza nazionale. “I giovani sono i più esposti – spiega il coordinatore del comitato tecnico della Regione anti epidemia, Pier Luigi Lopalco – perché sono quelli che muovendosi di più, hanno più contatti con altre persone”. Tra movida, feste sulle spiagge, eventi affollati senza precauzioni, non mancano davvero le occasioni al virus di passare da una persona all’altra attraverso bocca, occhi, naso.

La preoccupazione per l’aumento della popolazione in movimento è tale che è ripartita la campagna #iorispettoleregole. A promuoverla proprio in questi giorni sono stati artisti del mondo della musica, dello spettacolo e del cinema, affiché tutti si tenga comportamenti responsabili. L’iniziativa, diffusa via reti sociali, ha avuto il plauso del ministro della Salute  Roberto Speranza, il quale è impegnato a a infittire i controlli, con più test rapidi nel diagnosticare il virus in aeroporti, porti e valichi di frontiera.