Il Comune sospenda o rinvii le proprie scadenze a carico dei cittadini: proposta di Gallipoli futura al Sindaco

180

Gallipoli – Prove tecniche di dialogo tra opposizione consiliare e maggioranza, in tempi di quarantena da Coronavirus. Tendono la mano, sia pure a distanza, i consiglieri comunali di Gallipoli Futura, Flavio Fasano e Giuseppe Cataldi, che “in un clima di piena collaborazione”, scrivono una lettera aperta al Sindaco Stefano Minerva.

“Pur consapevoli che l’Ente comunale non ha grandi possibilità di predisporre azioni significative in materia di aiuti economici”, i due consiglieri chiedono  interventi urgenti a sostegno delle categorie produttive, delle famiglie e dei cittadini, “oggi posti in ginocchio da questa terribile pandemia”.

Dalla Tari alle concessioni comunali

Se non proprio aiuti economici, Fasano e Cataldi sollecitano interventi in materia di tributi comunali, sospendendo tutti gli avvisi di accertamento, già inviati e non; la proroga per almeno sei mesi dei termini di pagamento della Tari 2020, così come la sospensione (con successiva decurtazione del rateo relativo al periodo di mancato uso) di tutti i canoni concessori per l’utilizzo commerciale degli immobili comunali (ex mercato coperto, locali affidati a circoli e associazioni, ed altro) ,dei canoni demaniali relativi alle strutture balneari, con conseguente coinvolgimento della Regione, per i tributi di sua spettanza.

Fasano e Cataldi chiudono la loro missiva proponendo la costituzione di un tavolo tecnico quale la Conferenza dei capigruppo “convinti – concludono – che quanto da noi richiesto La troverà disponibile” dando così “alla nostra comunità cittadina un importante segnale rassicurante”.