Il castello è pronto: manca solo la linea telefonica el’adsl per la biglietteria

1824

Castello GallipoliGALLIPOLI. «Pronto, chi parla?»: non insistete, il Castello non risponde. Ancora per poco ma la situazione è questa. Sono stati completati tutti gli allacci, anche i più difficoltosi a causa di un monumento che va trattato con grande rispetto e della complessità della struttura. Ok quindi, assicurano dagli uffici comunali, per gli allacci idrici, elettrici e fognari. Resta ancora qualche problema – tale da far slittare l’apertura al pubblico in un primo tempo prevista per fine maggio – per l’entrata in funzione della linea telefonica e dell’Adsl, attraverso cui deve transitare il movimento della biglietteria elettronica.

Due contratti distinti per un passo davvero importante e atteso dalla città e da un intero comprensorio. Quasi definiti pure i presidi antincendio e poi l’associazione temporanea di imprese del triangolo Perugia-Maglie-Gallipoli potrà iniziare la gestione del maniero prevista per 5 anni. cos’altro. Venerdì prossimo negli uffici comunali di via Pavia si insedierà la comissione esamintarice per scegliere l’impresa che rifarà la rampa di accesso con il finanziamento ottenuto dal Ministero dei Beni culturali con l’allora ministro Massimo Bray. Si tratta di fondi del programma “PoIn” per attrattori naturali, culturali e per il turismo. I 503.379 euro in questo caso servono a interventi sul lato del maniero che affaccia su piazza Dogana e sullo scalo di alaggio del Rivellino. Si è dunque vicini ad una svolta importante per uno scorcio della città tra i più affascinanti e cliccati.