“Il 30 un’onda verde ha spazzato via rifiuti abbandonati, in spregio della bellezza di questa terra”

593
Francesca Vonghia

Nella giornata del 30 agosto, il CaS (Coordinamento ambientale Salento) ha organizzato la più grande azione di pulizia volontaria mai svolta in Salento per eliminare tutti i rifiuti che seppelliscono e distruggono la bellezza della nostra terra.

Una vera e propria “onda verde” di volontari provenienti da Ugento, Calimera, Galatina, Nardò e molti altri paesi della provincia con l’unico scopo di riportare il Salento alla bellezza di un tempo, sotto un caldo sole d’estate che alimentava sogni e speranze.

Mi sono fermata più volte lungo la strada per scattare qualche fotografia, nell’intento di catturare in un’immagine la bellezza di ogni volto, con la fronte imperlata di sudore e con l’entusiasmo e la forza di volontà racchiusa in ogni sguardo, da quello più piccolo e innocente di un bambino a quello più grande e consapevole di un adulto, occhi pieni della necessità di nutrirsi della bellezza di cui è dipinto il mondo dimostrando a tutti che amare vuol dire anche questo: rispettare la bellezza racchiusa in ogni cosa, anche la più piccola.

In fondo, chi crea ama quello che fa, come un pittore, e tutti noi siamo chiamati ad amare e rispettare la bellezza racchiusa in un’opera di cui noi stessi facciamo parte, un mondo e una vita che Dio ha voluto donarci gratuitamente chiedendoci solo di saperli amare e custodire.

A tutte queste persone vorrei rivolgere un enorme “Grazie”, non solo per il grande lavoro di squadra che abbiamo fatto e per la soddisfazione che si è dipinta sui volti stanchi di ognuno a lavoro ultimato, ma per avermi fatto scoprire che dove gli incivili macchiano la tela del mondo, l’amore ne riporta i colori e che proprio l’amore e il rispetto che ne consegue sono l’unica vera ricchezza che un cuore umano possa possedere.

E a tutti quelli che ancora non hanno capito che la spazzatura si butta nei bidoncini facendo la dovuta raccolta differenziata: quando gettate rifiuti per terra fregandovene di quanta sofferenza è conseguenza della vostra ignoranza ricordatevi di quanto siate persone piccole, persone incapaci di amare e rispettare, persone tristi che vivono una triste ed effimera felicità!

Francesca Vonghia – Liceo classico Galilei – Nardò