I voli saltano per i divieti anti Covid ma la compagnia aerea non rimborsa i biglietti: pronta la “class action” dei consumatori

1281
L’aeroporto di Brindisi

Gallipoli – I viaggi in aereo saltano per colpa del Covid ma la compagnia non rimborsa il costo del biglietto. per far valere i diritti dei consumatori, da Lecce parte una class action contro Ryanair per i rimborsi negati. A promuoverla è l’associazione Codici (“Centro per i diritti del cittadino”).

Gli ultimi casi fanno riferimento a viaggiatori bloccati a causa dei limiti negli spostamenti imposti dai vari Dpcm per l’emergenza sanitaria, “un problema che si trascina da mesi e che non sembra trovare una soluzione, nonostante i richiami giunti da istituzioni e autorità”, fanno sapere da Codici.

Le segnalazioni dei consumatori

L’avvocato Stefano Gallotta

«Nonostante ci sia un Dpcm che vieta espressamente gli spostamenti tra alcune regioni
– afferma Ivano Giacomelli, segretario azionale di Codici – la compagnia aerea si
ostina a non voler riconoscere il rimborso del biglietto a chi non può partire. È
semplicemente assurdo, oltre che grave. Abbiamo deciso di avviare una class action
per tutelare i consumatori, ingiustamente danneggiati».

L’iniziativa giunge in seguito all’intervento dell’Enac (l’Ente nazionale per l’aviazione civile), che ha espressamente ribadito l’obbligo di rimborso del biglietto ai passeggeri che non possono usufruire dei voli a causa delle restrizioni anti Covid19.

«Continuiamo a ricevere segnalazioni di consumatori che non possono partire e si
vedono negare il rimborso del biglietto», spiega Stefano Gallotta, responsabile Trasporti e
turismo di Codici. L’iniziativa avviata ha come obiettivo “il rimborso integrale e il congruo
risarcimento per i passeggeri costretti a rinunciare al volo acquistato in
virtù delle disposizioni in materia di spostamenti previste dall’ultimo Dpcm. Si tratta,
quindi, delle prenotazioni con partenze nel periodo tra il 6 novembre ed il 3 dicembre.

Per aderire alla class action si può compilare il modulo disponibile sul sito
dell’associazione (www.codici.org), scrivere a segreteria.sportello@codici.org
o telefonando allo 06.55.71.996.