Grandinata e bomba d’acqua: si contano i danni. Ed ora si guarda al ciclone mediterraneo: allarme per lunedì sera

20296

Gallipoli – Mentre si contano i danni alle colture ma anche alle strutture (serre in particolare) dopo la bomba d’acqua su Gallipoli e l’intensa grandinata nella zona di Parabita e dintorni, ci si prepara ad un lunedì sera-martedì di tempesta. Nel vero senso della parola.

Le principali stazioni meteo lanciano l’allarme. In un contesto con grosse perturbazioni, ce n’è anche per il Salento. La penisola sarà investita da una tempesta con forti venti da Scirocco, quindi Sud-Est.

Nubifragi e mareggiate

A causa di un ciclone mediterraneo, sono previsti nubifragi e mareggiate che dovrebbero raggiungere la provincia di Lecce nella serata di lunedì. Previste anche raffiche di vento ben superiori rispetto a quelle della notte scorsa, in cui le raffiche non  hanno superato i 65 km orari arrivando da Libeccio.

Pubblicità

Diverso il discorso della bomba d’acqua che a Gallipoli ha fatto registrare intorno alle 5.50 25 millilitri di acqua in appena quattro minuti. Spostandosi di qualche chilometro verso Sud-Est, a causa di una temperatura inferiore di cinque gradi rispetto a quella gallipolina, e ad altri fattori, l’acqua è diventata grandine coprendo per intero non solo le campagne, ma anche la Provinciale Alezio-Parabita.

Pubblicità