Giovani in cammino per la “Carta di Leuca”, il meeting internazionale ispirato dalla “convivialità delle differenze” cara a don Tonino Bello

Eventi in molti paesi del Capo dal 10 al 14 agosto

1189

Santa Maria di Leuca (Castrignano del Capo) – Presentata ieri in Prefettura a Lecce la “Carta di Leuca 2019”, il meeting internazionale ispirato alla “convivialità delle differenze” del vescovo dei poveri don Tonino Bello, che ora diventa “Agorà dei popoli del Mediterraneo” e si svolgerà dal 10 al 14 agosto prossimi.

La “Carta di Leuca” è un evento annuale, promosso dalla fondazione Parco culturale ecclesiale “Terre del Capo di Leuca – De Finibus terrae” in collaborazione con un partenariato internazionale teso a raggiungere i giovani dei Paesi che sì affacciano sul Mediterraneo, con culture e religioni diverse, invitandoli  a partecipare a giornate di incontro, di confronto e di conoscenza reciproca.

A conclusione del meeting, con la sottoscrizione della “Carta di Leuca”, proprio dall’estremo lembo d’Italia, spesso testimone di tanti naufragi, parte un appello forte alla pace e alla cooperazione.

«Carta di Leuca si cimenterà a sviluppare quelle che sono le sue prerogative partendo da un’immagine molto significativa: l’agorà. La piazza è, infatti – fanno sapere gli organizzatori – il luogo dell’incontro e della conoscenza, della parola, dell’ascolto, della scoperta dell’altro, è il luogo in cui poter fare esercizio di silenzio, di rispetto, di accoglienza, di scoperta e di dialogo. Da qui si vuole costruire un percorso, per i giovani che vi parteciperanno, in cui far leggere la loro vita, il nostro territorio e il mondo intero come una grande piazza che deve trasformarsi da luogo di passaggio a luogo di incontro».

Questo il programma della “cinque giorni”: accoglienza, sabato 10 agosto, all’aeroporto di Brindisi e trasferimento ad Alessano, dove, alle 17,30 si aprirà “la prima tenda della convivialità”. Il giorno dopo appuntamento a Tricase Porto dov’è previsto, alle 6,30, un cammino a piedi sino al santuario della Madonna di Fatima di Caprarica del Capo: dopo un momento di preghiera e l’apertura della seconda tenda di convivialità, seguirà il pranzo offerto dalle famiglie del posto. In serata, messa alle ore 19 a Tricase, nella chiesa della “Natività”, e a seguire, un confronto sul tema “Mediterraneo Agorà dei popoli”, alla presenza del cardinale Francesco Montenegro.

All’alba del 12 agosto, altro cammino, stavolta da Alessano a Presicce, dove il tema dell’incontro (nel convento di Santa Maria degli Angeli) sarà incentrato sull’ascolto; in serata festa a Lido Marini. Martedì 13, dopo una marcia mattutina sino al bosco comunale, gli ospiti saranno accolti a Tiggiano, dove, dopo aver fissato la quarta tenda della convivialità, si discuterà sul tema della condivisione: subito dopo, il pranzo nell’oratorio “Luci perti”, e, in serata, spettacolo musicale sul sagrato della chiesa collegiata del Santissimo Salvatore di Alessano, prima della partenza (all’una di notte e ultima tappa del meeting) della marcia “Verso un’alba di pace”, alla volta di Santa Maria di Leuca, con arrivo previsto all’alba del 14 agosto, davanti al santuario “De Finibus Terrae”.

Dopo la messa presieduta dal vescovo della diocesi di Ugento-Santa Maria di Leuca, Vito Angiuli, ci sarà la lettura della “Carta di Leuca 2019”, che verrà sottoscritta davanti alle autorità civili e militari presenti.

Alla conferenza stampa di quest’oggi erano presenti, tra gli altri, il prefetto Maria Teresa Cucinotta, il vescovo monsignor Vito Angiuli, l’assessore regionale Loredana Capone, il vicepresidente Anci di Puglia (nonché sindaco di Casarano) Gianni Stefàno, la vicepresidente della Provincia Federica Esposito. Presenti in sala anche Giulia De Lentinis di Anci Giovani, il responsabile della pastorale giovanile nella diocesi di Ugento-Santa Maria di Leuca, don Salvatore Chiarello e il presidente della Fondazione “Parco culturale ecclesiale Terre del Capo di Leuca-De Finibus Terrae” don Stefano Ancora, organizzatore dell’evento.