Giovani donatori crescono (e fanno adepti): a Gallipoli Eleonora coordina il gruppo Fidas Gallipoli e Admo (anche a Casarano)

1628

Gallipoli – «Vorrei formare un gruppo di giovani in cui ognuno fa la sua parte per far capire a tutti che donare rende più belli e più ricchi dentro». Questo l’obiettivo di Eleonora Spagna, 21enne gallipolina recentemente nominata coordinatrice del gruppo giovani per Fidas Gallipoli e referente di Gallipoli e Casarano per Admo (Associazione donatori midollo osseo).

Studentessa presso la facoltà di Scienze biologiche, la giovane volontaria è da poco entrata in una realtà che, come ammette lei stessa, le ha cambiato la vita. «Il 30 maggio di quest’anno, dopo tanti ripensamenti, finalmente ho preso coraggio ed ho donato il sangue per la prima volta: donare è stato per me come respirare, è stato un gesto naturale, un’azione spontanea». La volontaria seguivo la pagina Fidas Gallipoli, leggeva delle emergenze e non è riuscita a restare indifferente. «Mi sono scrollata le paure di dosso e da quel giorno sono diventata parte della famiglia Fidas. La presidente della sezione di Gallipoli, Marilù Bembi, mi ha accolta insieme agli altri componenti e mi ha dato da subito la possibilità di rappresentare i giovani, di coordinare questo gruppo in continua crescita. Mi confronto con tanti di loro, ascolto anche le loro paure e cerco, nel mio piccolo, di aiutarli a scrollarsele di dosso e a trovare la giusta motivazione. Vinco quando donano e vedo i loro occhi felici».

Le donazioni

Vista la forte emergenza di sangue, per Fidas Gallipoli è pure attiva in questo periodo la prenotazione online, per donare in tutta sicurezza con un percorso per arrivare al servizio trasfusionale riservato e sicuro (https://Gallipoli.donafidas.it). Le prossime donazioni di Fidas Gallipoli sono previste per domenica 22 novembre e per mercoledì 23 dicembre, mentre lunedì 23 novembre alle ore 19.30 si terrà una messa in memoria dei defunti presso la parrocchia di San Lazzaro di Gallipoli.

Eleonora Spagna si è pure avvicinata ad Admo. «Maria Stea, presidente Admo Puglia, mi ha accompagnata in un lungo questo cammino di consapevolezza e il 20 giugno ho effettuato la mia tipizzazione. Serve informazione e formazione per vedere Admo in tutta la sua bellezza, senza paure e falsi miti. Tipizzarsi ed entrare nel registro dei potenziali donatori di midollo osseo dovrebbe essere un gesto naturale per tutti».

Il Polo Admo

Il 13 agosto scorso, insieme a Maria Stea e al dott. Gianfranco Sacquegna, è stato avviato il polo di reclutamento di Gallipoli, “un piccolo traguardo che ha colorato la nostra corsa, un altro piccolo obiettivo raggiunto che mi vede nel ruolo di referente locale di Gallipoli e Casarano”.

Da ciò l’invito a “tipizzarsi”: «Mi auguro di coinvolgere i miei coetanei, di aiutarli a scoprire il valore del dono nella sua versione più bella e pura». . Per aderire ad Admo invece si può effettuare direttamente l’iscrizione sul sito donatoriadmo.org.