Gallipoli: terminate le riprese del corto “Se vi picchia non vi ama”, dedicato a Noemi Durini

2445
"Se vi picchia non vi ama”

Sono terminate le riprese del cortometraggio “Se vi picchia non vi ama”, il nuovo lavoro del regista gallipolino Cosimo Scialpi, dedicato alla giovanissima Noemi Durini, la sedicenne di Specchia uccisa dall’ex fidanzato. Il cortometraggio, scritto e diretto dallo stesso Scialpi, prodotto da Horse Production e interpretato da Stefano Simondo e Lidia Cuppone, è nato con scopo benefico: l’intero ricavato sarà infatti devoluto all’associazione “Casa di Noemi”. “Se vi picchia non vi ama” rivolge agli spettatori un messaggio ed un invito al rispetto per le donne; ma è anche dedicato all’educazione degli uomini affinché questi episodi di femminicidio non accadano mai più.

Posted by Comune di Gallipoli on Monday, November 26, 2018

Il trailer del corto

Gallipoli – Sono terminate in questi giorni le riprese del cortometraggio “Se vi picchia non vi ama”, il nuovo lavoro del regista gallipolino Cosimo Scialpi: la pellicola è dedicata alla giovanissima Noemi Durini, la sedicenne di Specchia uccisa dall’ex fidanzato. Quasi tutto pronto, ormai, anche per la presentazione ufficiale del corto, che si terrà il prossimo 8 marzo, proprio in occasione della Festa della donna. Il cortometraggio sarà poi trasmesso su Sky Satellite e su altre tv nazionali.

Cosimo Scialpi con Lidia Cuppone, l’attrice che interpreta il ruolo della protagonista

A Gallipoli le riprese. “Se vi picchia non vi ama” è scritto e diretto dallo stesso Scialpi, in collaborazione con Sky Satellite, ed è prodotto da Horse production. L’intero ricavato del film sarà devoluto alla “Casa di Noemi”, l’associazione di Specchia nata per dar voce a Noemi e a tutte le donne, ragazze e bambine che sono state e sono ancora oggi vittime di violenza. Il cortometraggio è stato girato a Gallipoli, con gli attori Stefano Simondo e Lidia Cuppone (di Neviano), Salvatore Coluccia e Antonietta Manca (entrambi di Gallipoli), Tano D’Amore e Arianna Valentini (di Lecce). Come spiega il regista, la pellicola vuole sensibilizzare al rispetto per le donne, ma guarda anche all’educazione degli uomini, affinché episodi di femminicidio non accadano più.

Pubblicità

“Donne, non esitate a denunciare”. “Ho seguito direttamente la vicenda ed è un argomento che mi ha toccato nel profondo – afferma Scialpi. – L’invito che rivolgo a tutte le donne è di non fidarsi delle apparenze, di stare sempre attente e di denunciare subito, al primo segnale di violenza. Voglio ringraziare, per aver sostenuto il progetto fin dall’inizio, la Provincia di Lecce e il Comune di Gallipoli, in particolar modo il Sindaco Stefano Minerva e il consigliere Gianpaolo Abate. Ringrazio anche l’amico Remo Croci di “Quarto Grado”, per aver condiviso e sostenuto il mio progetto su facebook”.

Pubblicità