Gallipoli – Bilancio decisamente positivo per la prima edizione di “Social media tourism”, l’evento dedicato al binomio turismo e nuovi canali di comunicazione che si è svolto il 23 e 24 novembre presso la Galleria dei due mari. Un successo confermato da oltre 300 presenze in due giorni.

Gianluca Monaco e Luca Caputo

Lo spirito dell’evento. Patrocinato dai Comuni di Gallipoli, Galatone e Morciano di Leuca, insieme a Pugliapromozione, “Social media tourism” è organizzato da Luca Caputo e Gianluca Monaco. Così i due organizzatori spiegano lo spirito con cui è nato l’evento: “Abbiamo pensato fosse possibile, per una volta, invertire la tendenza: in un contesto che vede sempre giovani, professionisti e imprese muoversi verso Nord per formarsi, volevamo far muovere professionisti e relatori di spessore verso Sud. I nomi individuati sono stati il fattore chiave del successo di quest’evento, per questo li ringraziamo d’aver accettato con molta semplicità di raggiungerci e dare il loro apporto significativo al valore di questo primo Social Media Tourism“.

I temi trattati. Di valore dell’ospitalità, influencer e strategie di promozione digitale per le aziende turistiche si è parlato nel corso della prima giornata, con gli interventi di Michela Mazzotti, Lino Garbellini e Francesco Biacca. Inoltre, Orazio Spoto (fondatore di Igers Italia e Igers Milano) ha illustrato le potenzialità di Instagram per il turismo e Sabrina Merolla ha raccontato l’esperienza del su blog (diventato poi un lavoro) “Buon Vento”; mentre il direttore di Promo Friuli Venezia Giulia Bruno Bertero ha spiegato le strategie di promozione della sua regione e Miriam Torrente si è soffermata sulla gestione di una “crisi” in ambito turistico. Molti degli interventi della seconda giornata, invece, si sono focalizzati sull’importanza dei dati per orientare le strategie di un’azienda turistica: ne hanno parlato, da diverse angolazioni, Tommaso Peduzzi, Bianca Bronzino, Pasquale Stroia, Flavio Tagliabue e Armando Travaglini. Si è parlato poi del food come strumento per raccontare il territorio (Toni Augello), di come il marketing digitale può far aumentare le prenotazioni dirette (Marco Bove), e ancora di Instagram (Alessandro Toma), revenue (Barbara Perrone), scelta delle destinazioni (Pierluigi Polignano), e formazione nel settore turistico (Pierpaolo Attanasio e Marco Briganti).

Pubblicità

La Startup competition, contest che ha visto partecipare più di 20 idee di imprese innovative, è stata vinta da Hearth, una piattaforma digitale che mette in rete il patrimonio dei territori italiani dal punto di vista dei beni architettonici, storici e culturali. Secondo posto a CyranoProject, mentre terzo si è classificato A Proposito di Viaggi.

Nuovi progetti. Gli organizzatori annunciano che proprio alla formazione saranno dedicate, già dal prossimo gennaio, alcune giornate su tematiche specifiche (web marketing per strutture ricettive, social, esperienze). “La risposta che abbiamo avuto dal territorio e da parte dei relatori che sono venuti fin qui – dichiarano – ci dà la ferma consapevolezza che è necessario continuare sulla strada della formazione per sostenere nuove idee di business e rafforzare la competitività di chi già opera sul territorio. Il turismo può e deve diventare un motore di accelerazione per tutta l’economia e per tutto lo sviluppo locale, ci auguriamo di poter collaborare con tutti gli attori del territorio per aumentare le potenzialità di queste destinazioni di attrarre non solo turisti ma anche i nuovi talenti che qui vogliono investire la loro vita umana e professionale”.

Pubblicità

Commenta la notizia!