Gallipoli racconta “on line” la sua bellezza e le sue storie: al via il format per scoprire la città

696
Gallipoli – Prima puntata per “Gallipoli – Le storie”, il nuovo format ideato per scoprire in pochi minuti le bellezze della città. «Un modo per far avvicinare ancora di più i curiosi e rafforzare quel sentimento identitario che appartiene ad ogni gallipolino», spiega il sindaco Stefano Minerva, che ieri (sul sito internet del Comune) ha presentato l’iniziativa curata dall’assessorato alla Cultura.
«Un progetto online, un modo semplice per scoprire le bellezze della nostra città. Abbiamo scelto di promuovere Gallipoli attraverso una modalità aperta: “Gallipoli, le storie” è infatti un progetto che ha un inizio preciso ma non ha una fine. Questo vuol dire che continueremo a raccogliere e a raccontare tutti gli aneddoti nel corso del tempo, non ci limiteremo ad un numero limitato di episodi, se posso definirli così».

Il format

Stefano Minerva
Un format a puntate, interamente online: venti episodi, nella prima “stagione”, ovvero venti storie da cinque minuti ciascuna per un numero di stagioni “infinite”. Racconti provenienti dalle strade, dalle corti, attraverso le chiese e i frantoi: i cittadini di Gallipoli prendono parte a questa narrazione collettiva che si propone come uno scavare nell’immaginario cittadino. Una sorta di carta d’identità della città attraverso gli occhi e i cuori di chi la vive quotidianamente e ne custodisce i saperi e i tesori. Il principale obiettivo è quello di favorire uno slancio culturale della Città, anche attraverso l’approfondimento di personaggi, storie di vita vissuta e urbana, dei profondi sentimenti religiosi che ha reso il territorio una comunità. L’obiettivo subordinato al primo è quello di raccontare, attraverso i potenti mezzi dei social network, delle piccole pillole di Gallipoli e di arrivare dunque agli utenti per diffondere la bellezza che la città racchiude come un prezioso scrigno, ricco di tesori e segreti che vengono raccontati in maniera moderna e funzionale.
Dopo l’inaugurazione da parte del Sindaco c’è stata l’illustrazione della cattedrale da parte di mons. De Santis: si proseguirà con lo storico Elio Pindinelli ed il racconto del frantoio di Palazzo Granafei. “Gallipoli – Le Storie” passerà anche dalla chiesa di Santa Maria della Purità, dal Castello, nei musei e non solo, attraverso la voce dei propri abitanti.
Le riprese, iniziate a settembre, sono state effettuate nel rispetto della normativa anti-Covid.