Flavio Fasano

Gallipoli – Domattina a partire dalle 9 il Consiglio comunale sarà chiamato a discutere e a decidere su alcuni importanti argomenti, oltre alle scadenze tipiche del periodo come le variazioni di bilancio ed il piano del Diritto allo studio da presentare poi alla Regione per il finanziamento. Sono tre gli argomenti su cui è prevedibile la discussione tra i componenti della massina assise cittadina. Anzi due: il rinnovo della concessione quinquennale alla società che gestisce il trenino turistico, effettuato con deliberazione della Giunta comunale, è stato revocato, come chiedeva con una interrogazione urgente il gruppo di Gallipoli Futura, cioè i consiglieri Flavio Fasano e Giuseppe Cataldi. Entro l’1 gennaio il Comune dovrà individuare un nuovo concessionario tramite avviso pubblico

Ritorna in aula la questione del servizio rifiuti, su cui le oposizioni hanno sparato a zero sia per il ritardo con cui si sta avviando quanto previsto dal contratto firmato nel settembre scorso per conto dell’intero Aro 11 (Gallipoli capofila, Taviano, Alliste, Racale, Melissano), sia per i presunti costi aggiuntivi che il Comune starebbe sostenendo a causa delle numerose proroghe (sette). La maggioranza col Sindaco Stefano Minerva porta in Consiglio la “presa d’atto della proposta progettuale tecnico-economica di implementazione del servizio e previsione della spesa”. Si tratta, in altre parole, dei servizi aggiuntivi che il Comune di Gallipoli intende attivare oltre a quanto previsto dal contrato Aro, anche per assorbire tutti gli addetti attualmente al lavoro.

L’altro tema caldo, anche questo sollevato da Gallipoli Futura e di altri due consiglieri di minoranza, è il sistema di portualità generale. L’argomenti inserito, in base alle proposte di Fasano e Cataldi, Caterina fiore e Sandro Quintana, recita così: “Analisi e Prospettive in relazione all`adozione dello ‘strumento regolatore portuale’ anche alla luce delle due questioni relative alle vicende: ‘Bleu Salento Srl’ e ‘Porto Gaio Srl’ – stato di attuazione della D.G.M. (deliberazione della Giunta comunale, ndr) n. 141 del 2016. Indirizzi per la riproposizione dell’intera procedura di adozione con immediata attivazione per il necessario utilizzo pubblico della struttura ‘Bleu Salento’. Immediata declaratoria, in ordine alla vicenda ‘Porto Gaio Srl’ di non idoneità del progetto di ampliamento a soddisfare in via combinata gli interessi pubblici alla valorizzazione del territorio comunale ed alla tutela del paesaggio e dell`ambiente, nonché alla migliore utilizzazione dell`area demaniale marittima nell`interesse pubblico generale”.

Pubblicità

 

Pubblicità

Commenta la notizia!