Gallipoli: ok a Osservatorio tassa di soggiorno, statuto per il parco e nuovo organico del servizio rifiuti. Tra uno scontro e l’altro

1814

Gallipoli – Nasce l’Osservatorio sulla tassa di soggiorno; arriva un nuovo statuto per la gestione del Parco naturale di Punta Pizzo – Isola di S. Andrea; resta la linea dell’Amministrazione per l’organico del servizio rifiuti: queste le principali decisioni del Consiglio comunale convocato – limitatamente al nodo del numero dei dipendenti da mettere in carico alla nuova gestione della raccolta e smaltimento delle immondizie – per questa mattina.

L’assise cittadina ha preso atto del bilancio consolidato del Comune 2017 e  l’approvazione di una ratifica di Bilancio e della modifica di bilancio per l’operazione Estate sicura. Palazzo Balsamo ha poi nominato i propri rappresentanti nell’Osservatorio sull’imposta di soggiorno, individuandolo in un consigliere della maggioranza (Tony Piteo) ed uno della minoranza (Giuseppe Cataldi di Gallipoli Futura). I due eletti vanno ad aggiungersi ai due esponenti di associazioni del settore turistico già indicati: si tratta di Jess Donadeo (commercianti e imprenditori) e Stefan Carlino (operatori turistici, dall’alto in basso).

Approvato il nuovo Statuto del parco regionale con un voto quasi unanime (contrari Flavio Fasano e Sandro Quintana). “Quest’atto consente al nostro parco – ha detto il Sindaco Stefano Minerva – di rappresentare, come è nelle nostre intenzioni, un punto di riferimento per il territorio, per implementare politiche  ecologiche serie e puntuali, non una scatola vuota ma uno strumento operativo per la sua gestione e valorizzazione”.

Rifiuti e organici, scontro Fasano-Venneri  Era previsto come punto caldo quello sugli gli organici della nettezza urbana, sovradimensionati di circa 25 unità in base al nuovo appalto sottoscritto come Aro 11, di cui Gallipoli è capofila. La proposta dei consiglieri Cataldi, Fasano, Quintana e Caterina Fiore (opposizioni) è stata respinta. Prevedeva la creazione di una società collaterale all’ati (associazione temporanea d’imprese) Gial Plast di Taviano e Colombo Biagio srl lombarda. Diversa la strada che ha imboccato l’Amministrazione, d’accordo i sindacati e l’ati: rimodulazione dell’orario suddiviso in due periodi dell’anno: da giungo a settembre con quattro ore in più a settimana da parte di tutti i dipendenti oggi in organico (76) e da ottobre a maggio un’ora in meno a settimana. con l’aggiunta di nuovi servizi. Anche qui si sono registrati battibecchi tra Sindaco e Fasano.

L’1 ottobre slitta Il prossimo 27 in Confindustria a Lecce nuovo incontro per definire la parte di personale da assegnare alle due ditte. Tra uno scontro verbale e l’altro (particolare quello che ha visto protagonisti due ex Sindaco, Fasano e Venneri) la maggioranza ha sostenuto quest’ultima strada. Anche se probabilmente, anche l’1 ottobre, data fissata per l’avvio del nuovo servizio a Gallipoli, è destinato a slittare.

Pensiamo che entro la prima decade di ottobre il servizio nella sua nuova teste sarà funzionante”, afferma l’assessore all’Ambiente Biagio Palumbo.

Il commento del Sindaco “Riteniamo – il commento di Minerva – che la strada percorsa dall’Esecutivo e per la  quale ringrazio sia gli uffici che il precedente ed attuale vicesindaco (Alemanno e Venneri, ndr) sia l’unica possibile per evitare il consistente taglio di personale  che altrimenti verrebbe operato. Un risultato, quello raggiunto, di cui ci hanno dato pieno atto i sindacati, riconoscendo i nostri sforzi. Capisco poi che chi non ha la  responsabilità di fare scelte, possa dire in libertà tutto e il  contrario di tutto, ma quando si amministra bisogna ragionare a 360 gradi ed operare nell’interesse collettivo. Quest’Amministrazione lo ha  fatto”.