“Gallipoli nel caos: navette fantasma e litoranea a rischio”

2293

navetta gratuita gallipoli

GALLIPOLI. Sembrava che tutto stesse cominciando ad andare per il meglio, seppur con un certo ritardo, nella Gallipoli presa d’assalto dai turisti nell’estate 2013. Due le buone notizie delle ultime settimane: la Regione sblocca altri 2mila parcheggi sulla litoranea sud (leggi il pezzo dell’edizione cartacea); il Comune pubblicizza, sul portale istituzionale, il servizio navetta gratuito per le spiagge (vi avevamo informati con un articolo online).

Pare, invece, che alcuni problemi siano rimasti irrisolti. Ci scrive Marcello Miggiano a proposito della situazione, ancora caotica a suo parere, dei parcheggi sulla litoranea: “Pareva che i disagi della viabilità fossero ormai acqua passata, ma tocca con amarezza constatare che non è così, e questo per colpa dei soliti furbi che parcheggiano sia sul lato sinistro dell’ultimo tratto (quello che va dal lido del Rio Bo al ristorante Waikiki) sia sull’incrocio del vialone che conduce a “Li foggi”. Come al solito in Italia le cose vengono fatte a metà: dei vigili che multavano all’impazzata nei giorni dei parcheggi chiusi, neanche l’ombra. E percorrere quei  100 metri di litoranea è tornato ad essere un incubo”.

Pubblicità

Un’altra lettrice, Giovanna Caggiula, si dice “delusa e truffata”: dopo aver letto il nostro articolo online che informava sul servizio comunale di navetta per le spiagge, ha deciso di usufruirne ma, una volta sul posto, avrebbe constatato dei disservizi. Ci scrive: “Felice della iniziativa che mi sembrava ottima, nella giornata di domenica 11 agosto ho acquistato dal parcometro il ticket per mezza giornata al costo di 3 euro, ricevendo anche il ticket per la navetta. Peccato che questa non sia passata! Ho aspettato sotto il sole fino alle 13.30, ben mezz’ora oltre l’orario della corsa previsto per le 13, fino a quando, esasperata dalla lunga attesa, ho dovuto riprendere l’automobile e recarmi con la stessa in spiaggia dove, non trovando altro posto, ho dovuto parcheggiare al parcheggio autorizzato della Praja al costo aggiuntivo di 5 euro. Forse, quindi,  non è un problema di disinformazione, ma di malfunzionamento del servizio se, sia i cittadini che i turisti, non usano il servizio navetta. Insieme a me infatti,  sono state private del servizio, pur avendo pagato il ticket, anche altre cinque ragazze romane che avevano, come me, avuto la bella idea di non portare l’auto in spiaggia”.

Gallipoli nel caos, dunque, e non solo per il boom di presenze, proprio nella settimana ferragostana?

Pubblicità