Gallipoli, matematica che passione per Emanuele e Vittoria. Ora si va a Palermo

4853

Gallipoli – Matematica che passione. Due alunni gallipolini disputeranno a Palermo la finale nazionale dei Giochi matematici del Mediterraneo organizzati da Aipm, Accademia italiana per la promozione della matematica “Alfredo Guido”.  Sono Emanuele Barba e Vittoria Negro, dell’istituto comprensivo Polo 3, rispettivamente della III A di via Modena e della V di via Gorizia ad aver superato la finale provinciale d’area che si è svolta a Racale lo scorso giovedì pomeriggio.

A maggio saranno ospiti il primo e la terza classificata dell’Università di Palermo per la fase nazionale; in tutto sono  24 i campioni della provincia di Lecce, tra i partecipanti delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado, che si contenderanno la finalissima in Sicilia. (nella foto Emanuele Barba e Vittoria Negro)

La gara a  tempo era  divisa in batterie secondo la classe frequentata con quiz differenti per ogni fascia. Emanuele ha ottenuto il punteggio più alto per la categoria P3 terza elementare, battendo gli altri  48 partecipanti e consegnando le schede dei test matematici in un tempo brevissimo.

Pubblicità

Portiere di calcio,  appassionato di arte ed in particolare dei pittori gallipolini come il Malinconico e il Coppola,  innamorato dei riti ella Settimana santa gallipolina che conosce a memoria e segue con i nonni e i genitori, Emanuele a 8 anni è un ragazzino dai tanti interessi.

Timido nell’approccio ma determinato, studioso quanto basta, senza l’ossessione dei libri e dei compiti, coltiva numerose passioni e frequenta, tra i vari impegni , anche una scuola di teatro per bambini.  In tutto questo c’è anche tempo per la matematica che è  di certo fra le materie che apprezza. In finale però ci è arrivato con spirito sportivo già felice del risultato raggiunto senza l’ansia del successo ad ogni costo.  La vittoria può considerarsi anche un premio alla sua naturalezza.

Vittoria 10 anni, è emozionatissima il risultato ottenuto; il terzo posto nella categoria P5 quinta elementare le consente di poter disputare la finale italiana. Il ballo e i numeri sono le sue grandi passioni. Frequenta una scuola di danza e coltiva l’abilità nella matematica a cui si è appassionata sin da piccolina.  Veloce nei calcoli a mente, si esercita per migliorare sempre più i suoi risultati.

Grande la soddisfazione per i suoi genitori e per il fratellino Alessandro che lo segue come un ombra. E tanta gratificazione anche per la dirigente scolastica dell’Istituto, la professoressa Martinella Biondo, e per le referenti dl progetto Rosa Diliddo e Manuela Quattrocchi.

Anche nelle passate edizioni – commenta la dirigente- alcuni dei nostri alunni si sono qualificati perla finale e quest’anno oltre ai due finalisti qualcun altro ha comunque ottenuto buoni punteggi. Come istituto svolgiamo diverse attività per far emergere e promuovere le eccellenze sia in campo scientifico che linguistico.  Esprimiamo la nostra soddisfazione per questi risultati che ripagano del lavoro svolto e della cura per i nostri ragazzi”.

Cura a 360 gradi che riguarda anche e soprattutto i casi più difficili. “La filosofia che perseguiamo – conclude la dirigente residente ad Alezio – è quella della valorizzazione delle eccellenze che va di pari passo sempre però con l’attenzione al disagio e l’inclusione”.

Pubblicità