Gallipoli, “La Giudecca posto incantevole da tutelare”, lettera aperta al Sindaco dopo le ultime mareggiate

1212
Gallipoli, la devastazione dopo la mareggiata

Al Sindaco di Gallipoli, Al Presidente della Provincia di Lecce

L’ultimo tragico evento meteorologico, che nella seconda settimana di novembre ha colpito la nostra amata Città di Gallipoli, ha, in particolare ed ancora una volta, evidenziato tutta la vulnerabilità di quell’area straordinaria ed incantevole, a livello del mare, che è la Giudecca.

I danni ingenti, le forti perdite sia dei privati cittadini sia delle imprese, che in quell’angolo meraviglioso investono e interagiscono, esprimono, con intrascurabile urgenza, oltre che un generale e contingente bisogno di aiuto, anche la radicale necessità di una programmazione infrastrutturale idonea a tutelare e preservare chi in quei posti vive ed opera e, di riflesso, l’intera collettività.

Ora, non sta a me indicare né le soluzioni, né i percorsi amministravi più idonei al caso di specie. Io voglio eminentemente testimoniare, con forza e passione, in qualità di cittadino ed imprenditore di questa realtà, l’impellente necessità che le istituzioni si adoperino, con diligenza e senso di responsabilità, ad offrire una risposta solerte e fattiva, magari coinvolgendo la comunità tecnica e scientifica onde elaborare e realizzare una soluzione che, in maniera il più possibile efficace e sostenibile, consenta di non avere più paura degli eventi naturali e del mare, ma solo un opportuno e doveroso rispetto.

Conscio della portata della sfida e della complessità del problema, Le porgo i miei saluti e, con ottimistico incitamento, rimango a disposizione.

Con osservanza

Fernando Nazaro- Gallipoli