I Beirut

Gallipoli – Con la tappa di Los Angeles è finita la prima parte della lunga tournée dei Beirut e del loro ultimo disco intitolato “Gallipoli” (uno dei brani ha anche lo stesso nome). Sta riscuotendo successo ovunque la band di Santa Fe (New Mexico, Stati uniti) e ovunque il nome “Gallipoli” risuona come “marchio” di questo lavoro arrivato dopo tre anni di silenzio da parte di Zach Condon, il leader del gruppo, e dei suoi compagni.

In ogni tappa del tour che finirà il 30 agosto a Salusbury, Regno Unito, il front man racconta dell’ispirazione che lo ha colto incrociando per caso, in una serata d’estate, una processione nel centro storico, con la banda (il gruppo ha una importante sezione di ottoni), il faro e la luna. Così quel disco, cominciato a Berlino e concluso in gran parte a Guagnano, nello studio Sudeststudio, è impregnato di questa forte suggestione. Una promozione straordinaria per questa città.

Pubblicità

I Beirut cantano “Gallipoli” durante il concerto a Toronto

Raccontiamo storie per farne parte/ o per essere risparmiati al dispiacere/ sei così bella da ammirare/ cosa resterà quando te ne andrai?”: inizia così la canzone chiamata “Gallipoli”, in linea con la vena malinconica di Condon e del suo gruppo, che si caratterizza per uno stile originale, una fusione tra indie rock e world music.

“Gallipoli” non è certamente un disco di rottura – scrive Daria croce sulla rivista “Rockrol” – i Beirut hanno mantenuto il loro stilema hanno saputo affinarlo ulteriormente mostrandosi più maturi rispetto ai lavori precedenti. Zach Condon e compagni hanno confezionato 12 brani che alleviano la fatica dell’inverno e ci proiettano direttamente sulle spiagge assolate del Salento”.

Il “Gallipoli in tour” ha finora toccato città e teatri del Canada (Montreal, Toronto, Vancouver) e degli Usa (tra cui Chicago, Seattle, San Diego, New York, Oakland); riprenderà in Europa, precisamente a Berlino, dove terrà due concerti il 30 e 31 (tutti e due con posti esauriti). Poi sarà la volta di Bruxelles, Groningen, Parigi, Cologne, Utrecht, Manchester, Leeds, Londra, Vienna, Monaco, Bourges e quindi Milano (unica tappa in Italia) il 18 aprile.

I Beirut cantano “Gallipoli” al The Anthem (Washington)

.

Pubblicità

Commenta la notizia!