Gallipoli, il rappresentante dei genitori: “Scuola di via Milano: intervenire subito per i tanti problemi”

1831

palazzo balsamo sede municipio gallipoli foto di Emiliano PiccioloGALLIPOLI. E’ scoppiato proprio a pochi giorni da Natale il caso di una scuola chiusa per valutare i rischi di piccole crepe sul controsoffitto dell’edificio di via Milano. Le verifiche sono imminenti, assicurano in Comune. Ma intanto non si placa la preoccupazione dei genitori soprattutto. E’ un fiume in piena Paolo Mercuri, rappresentante dei genitori di quella scuola dell’infanzia, i cui piccoli frequentati da un po’ non hanno pace: tempo fa erano stati “sfrattati”da via Foscolo proprio per problemi di sicurezza dell’edificio. Racconta Mercuri: “Ho parlato in Comune con l’ufficio tecnico per il controsoffitto in metallo che veniva giù e mi sono sentito ripetere che il problema era noto senza però aver mai visto un intervento concreto. Ma c’è altro, purtroppo: il servizio mensa non è mai stato avviato a causa di una diatriba tra dirigente scolastico, Comune e Asl su quale aula destinare a tale servizio. I vigili del fuoco sono intervenuti più volte, per l’impianto termico fatiscente e le continue fughe di gas. E poi, ancora,  problemi di sicurezza per palestra e sala musica, tant’è che il concertino di Natale è stato fatto nella sala parrocchiale di San Gerardo”. Secondo il rappresentante dei genitori, la situazione è al limite della sopportazione: “Aver visto i bambini infreddoliti e costretti a stare in aula col cappottino, alcuni giorni fa. Ha fatto traboccare il vaso. Ho chiamato io  i Vigili del fuoco che hanno chiuso la scuola. I nostri bimbi hanno scritto una letterina per Natale – conclude Mercuri – e sperano che la nostra scuola sia riparata e torni più bella di prima”.