Gallipoli, “Creiamo il Natale” è pronto. Il programma con la sorpesa: la Natività che emerge dal mare

3007

Gallipoli – Mancano solo pochissime date certe, come quella da concordare con la Fondazione della Notte della taranta, poi il Natale e il Capodanno di Gallipoli avrà la sua esatta fisionomia in cui non mancano novità che promettono suggestioni e meraviglia. Come la Natività che sorge dal mare del Canneto.

La Giunta comunale nei giorni scorsi ha approvato un nutrito programma frutto dell’impegno dell’Amministrazione comunale, della supervisione organizzativa della Pro loco e della numerosa partecipazione di gruppi e associazioni che hanno risposto all’appello del Comune.

Le prime iniziative 

Il progetto si chiama “Creiamo il Natale e muove i primi passi già domani, 1 dicembre, con la corsa organizzata dall’associazione Anxa nella mattina, mentre nel pomeriggio e sera ci sarà la Band di Babbo Natale, la parata del Villaggio dell’omino rosso e bianco per l’intero corso Roma e nel centro storico, con le luminarie pronte ad accendersi per poi spegnarsi il 6 gennaio dell’anno nuovo.

Il 6, 7 e 8  sarà la volta della Festa del cioccolato in piazza Tellini inondata di musiche natalizie, a cura dell’associazione dei commercianti e imprenditori di Gallipoli.

Notte bianca e Pupi in piazza

Il 21 ritorna la Notte bianca, per la quale c’è solo da definire al tavolo tecnico i particolari e il piano sicurezza con le autorità territoriali locali.

I Cantieri di Capodanno il 28 e 29 in piazza Carducci metteranno in mostra i loro Pupi, creazioni di cartapesta pronti ad illuminare la notte dell’arrivo del nuovo anno. Con il contorno di artisti di strada, giochi gonfiabili e il concerto di Balla Italia (contributo del Comune di 2mila euro).

La via dei presepi

Della Via dei presepi che si snoderà nel centro storico, fa parte anche il Presepe subacqueo vivente dell’associazione Paolo Pinto, la cui emersione dalle acque verrà realizzata il 25 e il 26 dicembre; l’1 e il 6 gennaio, con corteo fino al teatro Garibaldi. Una mostra di presepi artistici riceverà appassionati, fedeli e curiosi nel palazzo Balsamo, la sede comunale di via De Pace.

Per le iniziative in onore di Santa Cecilia e per i concerti natalizi nella Biblioteca comunale organizzati dal maestro Luigi Solidoro e dalla Filarmonica Santa Cecilia – Città di Gallipoli il Comune ha assicurato un contrito rispettivamente di 400 e 500 euro.

In primo piano cultura, tradizioni, eccellenze locali

I luoghi della cultura che la città ha in abbondanza saranno aperti per accogliere cittadini e turisti a cura dell’associazione Amart anche in occasione della Notte bianca.

Il fine cui tenderanno tutte le attività promosse nel periodo natalizio – si legge nella determina della Giunta presieduta da Stefano Minerva – sarà la valorizzazione degli aspetti culturali e la promozione delle eccellenze tradizionali locali e delle produzioni artigianali e commerciali connesse alle festività”.

Le scuole in campo

Assunta Titti Cataldi

L’assessore al Turismo, Assunta Titti Cataldi, e la commissione consiliare Turismo, Cultura e Spettacolo hanno coinvolto anche le scuole cittadine che per il loro contributo al programma riceveranno un aiuto dal Comune di 400 euro (liceo Quinto Ennio e l’Istituto Vespucci ) e di 450 euro (Polo 2, Polo 3, Istituto Leonardo Da Vinci).

Al lungo elenco di partecipanti a “Creiamo il Natale” non mancano le confraternite del centro storico: quella dedicata a Maria Santissima dell’Immacolata e quella di Santa Maria degli angeli.

Il contributo di due confraternite 

Nel programma della “Maria Immacolata”, priore Lucia De Rosa,  sostenuta dal Comune con mille euro, sono previste 12 luminarie a forma di stelle, la tradizionale Pastorale gallipolina: già in archivio la serata del 28 novembre, l’1 dicembre la tipica musica natalizia gallipolina accompagnerà i confratelli e le consorelle alla visita agli anziani ed ammalati residenti nella città vecchia, con un piccolo dono a loro riservato. Il 3 si svolgerà la Giornata sociale  nella chiesa confraternale.

Anche l’altra confraternita, priore Giuseppe Capoti, ha presentato il suo programma: oggi la Pastorale ha girato per le vie del centro storico con la fiera dei dolci tipici natalizi. Il sodalizio farà una raccolta di alimenti da donare poi alla mensa dei poveri gestita dalla Caritas. Intorno all’Oratorio confraternale luminarie per il periodo dell’apertura del presepe. E poi un presepe artistico visitabile tutti i giorni dal 24 dicembre. Concesso un contributo di 250 euro.

Altri partecipanti al programma: l’associazione culturale Mater lab, comitato festa Santa Cristina, maestri concertisti e musicisti.