Gallipoli, camper selvaggio. Proteste. LE FOTO

2337

GALLIPOLI. Camper selvaggio anche quest’anno in alcune zone della città. S’incarica di segnalarlo (e non solo) la Faita Federcamping di Confcommercio della provincia di Lecce. Con foto scattate oggi si indicano le presenze fuorilegge nella zona del piazzale del cimitero, ormai terminal degli autobus provenienti da tutta Italia, e sul litorale nord, poco dopo la darsena Porto gaio, su aree demaniali e comunali. “Questa pratica arreda danni alle nostre aziende ed alla collettività”, scrive in una nota Erminia Licchelli, presidente dell’organizzazione di categoria. La presidente adombra le possibili negative conseguenze di queste pratiche completamente illegittime: una riduzione del personale nelle strutture legali e, dal 24 prossimo “qualora la situazione restasse uguale a quella di questi giorni”, i gestori dei camping per protesta non riscuoteranno più il pagamento della tassa di soggiorno ai propri clienti per conto del Comune di Gallipoli ma si limiteranno a segnalare agli uffici dell’Ente locale soli i dati degli ospiti. L’avvertimento è contenuto in una lettera inviata al comandante della polizia urbana e al dirigente dei Servizi finanziari  del Comune.