Gallipoli, black out in centro storico: “Senza luce locali privati, ma il Comune è intervenuto lo stesso”. Il 15 altro stop

934

GallipoliI black out dell’8 e 11 agosto scorsi si sono verificati in locali privati, mentre la illuminazione pubblica ha regolarmente funzionato; il Comune, pur non di sua competenza, essendo appunto immobili privati, è comunque intervento presso Enel Distribuzione: questi i punti principali della nota dell’assessore al Centro storico, Biagio Palumbo, in risposta indiretta a quanti – operatori commerciali e della ristorazione in particolare – hanno preannunciato una possibile richiesta di risarcimento danni a carico proprio del Comune.

Pur trattandosi di locali di soggetti privati quelli interessati dalla mancanza di corrente elettrica per tre ore circa in via Antonietta De Pace, il Comune ha chiamato “i tecnici dell’Enel Distribuzione, già impegnati in altre località turistiche della provincia, che  sono intervenuti su sollecitazione dei funzionari del Comune”.

Biagio Palumbo

“È notorio infatti che molti immobili della via principale del centro storico – rileva l’assessore Palumbo – hanno subito nel corso degli anni mutamenti della destinazione  d’uso, passando ad immobili di natura commerciale, con installazione di strumenti ed apparecchi che hanno determinato l’aumento della potenza elettrica necessaria”.

Pubblicità

Se così è, l’amministratore comunale preannuncia un intervento: “Sarà compito del Comune accertare se i relativi oneri, onde ottenere il cambio di destinazione d’uso sono stati regolarmente corrisposti dai privati; in caso positivo, sarà onere del Comune provvedere alla implementazione della cabina elettrica; in caso contrario, tale onere e costo sarà esclusivamente a carico dei privati”.

Altra interruzione Intanto Enel Distribuzione annuncia,con manifestini affissi nelle zone interessate un’altra interruzione di erogazione di energia elettrica. Dalle 3 alle 8 di Ferragosto niente corrente in alcuni tratti delle vie De Pace, Fontò, Garibaldi, Micetti. Interesserà solo utenti con forniture a bassa tensione ed è dovuta “lavori sugli impianti”.

Pubblicità