Gallipoli “bella e pulita”, in mare e non solo, grazie ai volontari della “Paolo Pinto”

1562

Gallipoli – Tempo di bilanci e di progetti per il nuovo anno per l’associazione subacquea di volontari “Paolo Pinto”, presieduta da Lucia Sergi e coordinata da Giuseppe Sergi.

«Nel 2019 – affermano i volontari – l’associazione si è organizzata in gruppi di lavoro per essere più incisiva nei vari settori. Al gruppo dei sommozzatori che si occupano principalmente della pulizia dei fondali marini, infatti, si sono aggiunti il gruppo che si occupa delle zone a verde ed il gruppo che si occupa della formazione scolastica presso gli istituti».

Il gruppo sommozzatori

Per quanto riguarda il gruppo dei sommozzatori, nel 2019 si sono tenute 35 operazioni totali, sono stati raccolti 513 sacchi di spazzatura, recuperati 285 copertoni, 27 cassette di bottiglie e materiale vario dalle biciclette, un motorino ed anche un water e svariate batterie. Le zone interessate per le immersioni sono state il seno del Canneto, le scale Nuove, lo Specchio Acque Club mare chiaro e lo Scalo saponaro. La sezione delle zone a verde si è messa poi subito al lavoro con la riqualificazione e sistemazione della piazzetta sita sul lungomare di fronte alla pizzeria “Topkapi”, approfittando dell’iniziativa comunale “Adotta un’aiuola”.

Ci si è poi interessata delle pulizie del lungomare con la piantumazione di oltre 300 piante di pitosfori per rinfoltire le siepi, dello spazio verde alla scuola di via Giorgio da Gallipoli ed infine della spiaggetta “Le Fontanelle”, compreso il tunnel. Inoltre, il 25 dicembre, l’associazione ha realizzato la rappresentazione della natività vivente presso il Seno del Canneto. «Tutte le nostre attività sono rese pubbliche  sulla nostra pagina Facebook, nella speranza di far vedere a tanti lo scempio che procurano le azioni di alcuni incivili», fanno sapere i volontari.

Il programma 2020

Per quanto riguarda il programma del 2020 invece, tra la fine di gennaio e i primi giorni di febbraio ci sono stati i primi incontri presso l’istituto nautico commerciale “Vespucci” mentre i prossimi si terranno al liceo Quinto Ennio, sempre per sensibilizzare le nuove generazioni sul problema dell’inquinamento.

Il 25 ed il 26 aprile è in programma, infine, la “Prima giornata nazionale dedicata alla bonifica dell’ambiente marino e costiero”: «In collaborazione con l’Aics (Commissione nazione ambiente) stiamo, infatti, procedendo al coinvolgimento di oltre 45 associazioni, prevedendo una squadra di oltre 300 volontari in  modo tale da poter intervenire, in gruppi, su tutte la zone di Gallipoli pensando alle periferie, alle coste, ai porti, al mare. Il nostro sogno è di vedere Gallipoli bella».