Gallipoli, arrivano i centri estivi per giocare e socializzare. Numerose le domande. Corsi pronti a partiresettembre

400

Gallipoli – Centri estivi per bambini e ragazzi dai 3 ai 14 anni: entro agosto saranno tutti attivi. L’alto numero di domande, spesso incomplete, ha rallentato l’avvio delle strutture temporanee individuate dal Comune che ha promosso l’iniziativa basata sul diritto alla socialità e al gioco anche ai tempi del coronavirus.

Ha anche l’obiettivo di sostenere il lavoro e le iniziative economiche – in questo caso soggetti terzi che gestiranno i centri – uno degli ormai noti Dpcm (Decreto del presidente del Consiglio dei ministri) emanati dal Governo nazionale per contrastare diritti (al gioco ed al lavoro) gravemente compromessi dall’epidemia.

Selezionate associazioni e due palestre

L’avviso pubblico rivolto alle famiglie con reddito non superiore ai 15mila euro annui, riguardante un programma spalmato in quattro settimane per cinque giorni a settimana, ha prodotto numerose istanze ora al vaglio degli uffici comunali competenti.

Alla fine delle procedure di selezione, convenzionate col Comune sono state le palestre Mister Fit di via Gianbattista Vico (zona Lido San Giovanni) e Fight club di via Scalelle insieme all’associazione culturale Amart di Eugenio Chetta (nella foto con don Santo Tricarido, parrocchia di San Lazzaro) e Zero Meccanico di Ottavia Perrone e Francesco Cortese.

Il 24 agosto sono partiti i centri di Amart e Fight club; il 31 agosto gli altri due. Nel programma sono previste attività ludico ricreative, laboratori teatrali, letture animate e giochi vari. Coinvolte le parrocchie di San’Agata e San Lazzaro.