Galatone – Una delle più importanti figure letterarie (e non solo) della città, da riscoprire e far conoscere alle nuove generazioni: nella ricorrenza del 90° anniversario della morte di Giuseppe Susanna, Galatone ricorda l’intellettuale scomparso nel 1929 programmando per mercoledì 13 marzo una giornata ricca di appuntamenti.

Si parte alle 10 con la deposizione di una corona sulla tomba di Susanna, poi alle 11 il suggestivo incontro con le quinte elementari del plesso a lui intitolato, in via Alceste Colitta. “Chi era il maestro Susanna?” è il nome dell’iniziativa che, oltre al sindaco Flavio Filoni e alla dirigente scolastica Adele Polo, coinvolgerà anche Mirko Grasso, curatore del volume “Tutti vittime”, romanzo rieditato da Kurumuny e pubblicato nel 1910 da Susanna con lo pseudonimo di Giorgio Solmura.

Grasso e l’editore Giovanni Chiriatti presenteranno l’opera alla città nel pomeriggio, all’interno del Palazzo Marchesale (conduce il dibattito Giuseppe Resta, con le letture curate dagli studenti dell’istituto Enrico Medi), con l’appuntamento fissato alle 18, dopo la tappa prevista per le 17 a Palazzo Lercaro (tra via Colonna e via Castello), sede della Biblioteca comunale, per l’inaugurazione della mostra documentaria dal titolo “Un poeta per maestro: Giuseppe Susanna e Galatone”, curata dallo storico Francesco Potenza.

Pubblicità

Susanna viene ricordato come poeta e prosatore, intellettuale socialista e maestro di scuola elementare, prima di essere costretto alle dimissioni a causa delle sue idee politiche, “un’alta espressione della cultura democratica galatonese che non può essere dimenticata”, come si legge nella nota del Comune.

Pubblicità

Commenta la notizia!