Francesco da don Tonino: preparativi, iniziative e quel discorso in Perù sulla “chiesa del grembiule”

2234
Papa Francesco e Don Tonino Bello

Alessano – Fervono le iniziative in preparazione all’evento del 20 aprile, quando Papa Francesco sosterà in preghiera sulla tomba di don Tonino Bello per poi portarsi a Molfetta, dove il religioso di Alessano ha esercitato il suo breve ma intenso ministero episcopale. Anche per Bergoglio quello del 20 aprile non sarà certamente un appuntamento come altri.

Il vescovo portato ad esempio dal Papa durante una visita in Perù “Don Tonino Bello ha toccato il cuore anche di Papa Francesco – afferma il presidente della Fondazione  don Tonino Bello, Giancarlo Piccinni, il quale riferisce un  inedito in occasione della visita del gennaio scorso di Papa Francesco in Perù quando – a sorpresa – ha indicato ai vescovi peruviani come modello di pastore proprio don Tonino Bello, il vescovo che “era molto paterno “e parlava di “un ordine del grembiule“. “Don Tonino Bello – queste le parole del Papa –  quando ordinava un vescovo lo ungeva di olio sulle mani perché non rimanesse attaccato al denaro“.

Consigli comunali riuniti e collegati di Alessano e Molfetta Ai preparativi che fervono sempre più intensi in questo periodo (un elicottero del Vaticano è arrivato in paese ieri per prove tecniche) si aggiunge, quasi a suggellarne una comunione di intenti, la notizia dell’ultima ora,  quella di un prossimo “gemellaggio” tra i Comuni di Alessano e Molfetta in nome del vescovo della “convivialità delle differenze”, che sarà anticipato da un Consiglio comunale congiunto in videoconferenza, in data comunque prossima alla venuta di Papa Francesco.

Il Sindaco Torsello: “Sul suo esempio si rafforza il legame tra le due città” A darne la notizia è stato lo stesso sindaco di Alessano Francesca Torsello, che in apertura del Consiglio comunale del 7 marzo ha annunciato la decisione condivisa con il collega di Molfetta e i Presidenti delle assisi consiliari delle due città. “Sarà un momento che rafforzerà il legame che unisce le due città che condividono l’inestimabile ricchezza del messaggio e dell’operato di don Tonino in vista della visita di Papa Francesco – ha esordito il sindaco Torsello – siamo due comunità unite che si predispongono a vivere un evento che entrerà nella storia e nella memoria collettive, per questo vogliamo una manifestazione che si svolga in una cornice istituzionale quale è il Consiglio comunale; inviteremo quindi le scuole, le associazioni, e tutti gli attori civili e religiosi coinvolti nella preparazione della giornata del 20 aprile. Da tempo Alessano e Molfetta – ha concluso il Sindaco – si sentono coeredi del patrimonio valoriale di don Tonino, tant’è che è nostra intenzione rinsaldare il gemellaggio tra le due comunità formalmente avviato nel 2013, e questo rappresenta un passo fondamentale in tale direzione”.