Fotografia: Masterclass in Olanda per Emiliano Picciolo, selezionato da BenQ

1289

Tuglie – I giudici ne hanno apprezzato la composizione, la simmetria e la gestione del colore. Così lo scatto di Emiliano Picciolo è valso un biglietto di andata e ritorno per l’Olanda, per prender parte a un’esclusiva masterclass di fotografia.

All’origine c’è il concorso fotografico “PhotoVue competition 2019” di BenQ, multinazionale con sede a Taiwan specializzata nella ricerca e nella produzione di tecnologie digitali, quest’anno improntato sul genere del ritratto. Il giovane fotografo originario di Alezio ha preso parte alla competizione indetta su Instagram, risultando tra i cinque selezionati che prenderanno parte al workshop di due giorni tenuto dal BenQ “ambassador” Frank Doorhof, fotografo di moda/vip specializzato in formazione. La selezione è stata affidata a una giuria composta da sette professionisti del settore. «Un dato, questo – afferma Picciolo – che mi riempie ancora di più di orgoglio, assieme al fatto che la mia opera sia stata selezionata tra le migliori a livello europeo».

La masterclass in Olanda

La masterclass si terrà a Emmerloord, cittadina a un’ora di distanza da Amsterdam, sotto la guida esperta del famoso fotografo olandese. Il primo giorno è previsto un set fotografico in studio con una modella mentre il secondo sarà in esterna in un villaggio di pescatori sul mare del Nord.

«La notizia della vittoria – continua – è stata una sorpresa, nonostante l’impegno che ci metto nel fare sempre meglio. Sono davvero onorato di fare questa importante esperienza formativa». Picciolo, dopo il diploma in fotografia e grafica pubblicitaria nel 2008 e una lunga esperienza nel settore dell’editoria, nel 2016 ha trasformato la sua passione per l’obiettivo e la camera oscura in un lavoro, con una costante attenzione all’approfondimento nell’ambito della comunicazione visiva.

A Roma il progetto “#socialstory”

Intanto il suo progetto #socialstory sbarcherà a Roma, dove sarà presentato il prossimo 1° febbraio presso il circolo culturale Kokè. L’inaugurazione dell’esposizione sarà introdotta dal dialogo dell’artista con Mattia Coluccia, e avverrà in concomitanza con “Perfetti conosciuti”, evento che non prevede alcuna mediazione tecnologica, filtri, status o hashtag, con l’obiettivo di riportare la socialità al livello più umano.

«Durante l’evento saranno banditi i cellulari – spiega Picciolo – per ri-sperimentare un tipo di comunicazione “analogica” e dimostrare che ci si può rapportare con gli altri anche oltre gli schermi di un dispositivo. Un format che si sposa perfettamente con il mio concetto di #socialstory – conclude – nato da incontri con i volti della quotidianità. Ho incontrato le persone che conosco e chiesto loro uno scatto, un approccio “materico” alla conoscenza fisica».