Focolaio Covid da spegnere: pronta a Taurisano la tenda per i test rapidi da fare in auto. Occorre prenotarsi. A Nardò il secondo “drive through”

3457
Taurisano, la struttura Covid

Taurisano – Prendono il via a Taurisano i test rapidi per accertare i casi di positività al Covid. Si tratta del terzo dei 13 “drive through” previsti in Puglia dalla Regione in collaborazione con Protezione civile regionale, Asl, Esercito e Marina militare. A Taurisano la postazione attrezzata è stata allestita in piazza Unità d’Italia (area mercato): sarà possibile effettuare i tamponi anti Covid “in sicurezza”, previa prenotazione, senza scendere dalla propria automobile. Dallo screening sono esclusi i contatti stretti dei positivi al Covid che continueranno ad essere gestiti dalla task force provinciale.

La Regione fa sapere che la prossima settimana ci sarà l’attivazione degli altri “drive through”, uno dei quali è previsto presso l’ex ospedale “Sambiasi” di Nardò. Da ieri sono operative le strutture presso la Asl di via Ancona a Taranto e nell’ospedale di Massafra: a seguire quelle negli ospedali di San Pietro Vernotico e Barletta, due a Bari nell’area della Fiera del Levante, uno nell’ex ospedale di Grumo Appula, uno presso lo stadio di Conversano, due a Foggia in via Protano (Camera di commercio) e in Fiera, uno a Manfredonia.

L’attesa risposta al “focolaio”

Per Taurisano (ma la struttura è stata realizzata anche per i paesi vicini, secondo modalità da definire), si tratta dell’attesa risposta a quello che è di fatto il primo “focolaio” scoppiato in un paese del Leccese (residenze sanitarie a parte).

In paese l’emergenza è scoppiata a fine ottobre con molti casi di positività accertati nelle scuole, tanto da costringere il sindaco Raffaele Stasi a chiuderle tutte per tre giorni (prima del blocco da parte di Emiliano). Nel mirino pare essere finito un ricevimento al quale avrebbero preso parte gran parte dei calciatori della locale squadra di calcio, alla fine risultati positivi in 23 su 38 (compreso lo staff).

La catena del contagio

Ma la catena del contagio è stata rapidissima, soprattutto tra i più giovani, tanto che in un videomessaggio il Sindaco ha subito avvisato la popolazione circa la prospettiva di un numero “considerevole di casi”. Ad oggi risultano positive 112 persone (117 dall’inizio della pandemia), stesso numero che si registra a Lecce città, giusto per avere un parametro.  Basti pensare che al momento il primo paese che segue in questa non allegra classifica è Galatina a quota 29, a seguire tutti gli altri, con i centri vicini a Taurisano pericolosamente in alto (Casarano 22, Ugento 21, Racale 18, Ruffano 15).

Dal sindaco Stasi, che intanto ha prorogato la chiusura dei tre plessi della scuola dell’infanzia sino al 13 novembre, giunge ora l’invito affinché soprattutto i giovani e i lavoratori si sottopongano “senza indugio” all’esame di screening, “così come i familiari conviventi di persone anziane o soggetti fragili”. L’obiettivo è quello di “stanare” gli asintomatici, attraverso i quali il Covid trova la strada più facile di diffusione.

Come prenotarsi

Quanti intendono eseguire il tampone devono prenotarsi sull’apposita piattaforma internet all’indirizzo “cpst.it/emergenzacovid”: sarà poi il sistema a generare un modulo che andrà compilato, stampato e firmato e per poi essere esibito al momento del prelievo, insieme ad un documento di riconoscimento ed alla tessera sanitaria. Alla fine della prenotazione il cittadino riceverà una email o un sms contenente la data e l’ora del prelievo nella quale recarsi presso l’area operativa attrezzata in piazza Unità d’Italia, attendendo il proprio turno munito di mascherina. Ci si potrà prenotare anche grazie al supporto delle locali associazioni di Protezione civile: Gruppo volontari Taurus (0833/623965) e Falchi del Salento (0833/623480) dalle 8.30 alle 13.30 e dalle 15 alle 20. Per ora le prenotazioni saranno limitate ai primi tre giorni per poi essere riattivate successivamente.

Alla stessa rete di Protezione civile si potranno rivolgere i cittadini impossibilitati ad uscire di casa per acquistare beni essenziali quali alimenti o farmaci e per far fronte ad esigenze di prima necessità (Taurus: 333.4089759; Falchi 351.9020170).