Festival del volontariato nel Salento: eventi online e generazioni a confronto a Gagliano del Capo

264

Gagliano del Capo – L’impegno del Terzo settore al servizio della comunità è al centro del Festival del volontariato nel Salento, che si conclude sabato 5 dicembre con diversi appuntamenti online e con la premiazione dei giovani vincitori del concorso video-letterario sul tema “Giovani e volontariato – La sfida di chi resta”.

“Strade volontarie” è il nome scelto per questo festival, promosso dal Centro servizi per il volontariato (CSV) Brindisi-Lecce. La Giornata internazionale del volontario, che da 35 anni per decisione dell’Onu ricorre il 5 dicembre, quest’anno ha una valenza particolare ed è dedicata a chi si è impegnato nei momenti più difficili della pandemia.

Il programma

Tutti gli eventi del Festival saranno trasmessi in diretta Facebook sulla pagina di CSV Brindisi-Lecce, oltre che sulla piattaforma Zoom ai link dedicati. Alle 16 si comincia con la riflessione sul tema “La formazione del volontariato per i Servizi alla persona”, a cura di ADA Salento e con gli interventi di Luigi Di Viggiano, Leonardo De Tommaso e Maurizio Spagnolo (accesso al link qui).

Alle 18 spazio ai giovani con la premiazione del concorso video-letterario “Giovani e volontariato – La sfida di chi resta” e la presentazione del progetto di CSV Salento il “Palio della legalità” (per partecipare collegarsi al link qui).

Il progetto di Casa&Putea a Gagliano del Capo

Un focus sull’invecchiamento attivo e l’esperienza dei fuorisede per motivi di studio o di lavoro porterà poi il festival a Gagliano del Capo, per raccontare l’esperienza dell’associazione Casa&Putea (dalle 19 in diretta Facebook sulla pagina dell’associazione). Durante l’incontro online verrà anche presentato il libro di Francesco Giaquinto “Più anni e meno danni nel Capo, a chi appartiene il nostro futuro?” (edizioni Casa&Putea), con gli interventi di Andrea Settembrini e Gabriele Licchelli, rappresentanti della stessa associazione.

Incontri a Casa&Putea (foto d’archivio)

Nata grazie al bando Pin – Pugliesi INnovativi, Casa&Putea è un luogo in cui si incontrano giovani e anziani, con iniziative che intrecciano cinema e psicologia. L’obiettivo, spiegano dall’associazione che ha sede a Gagliano, è “canalizzare l’attenzione sul benessere psicologico e sociale della popolazione, in particolare di anziani e di studenti e lavoratori che sono costretti a emigrare, i cosiddetti ‘fuorisede’”.

Tutto questo Casa&Putea lo fa con un approccio originale, “attraverso il connubio tra cinema e psicologia – aggiungono dall’associazione –, con una proposta sociale e culturale che gira intorno a tre parole chiave: memoria, visioni e territorio. Tra i progetti più importanti finalizzati alla riduzione del gap intergenerazionale, si annovera la creazione di un archivio audiovisivo online che raccoglie stralci di vita comune ripresi da amatori tra gli anni ’60 e ’80 del secolo scorso, al fine di preservarne la conservazione e la trasmissione ai posteri”.