Festa rave in campagna, struttura turistica con positivi, Pronto soccorso chiuso: ora via alla laboriosa ricerca della catena di contagi per scongiurare focolai

2948

Gallipoli – Un focolaio in una struttura balneare di Castellaneta marina (Taranto); un rave party senza alcun tipo di precauzioni in una campagna tra Presicce – Acquarica e Specchia; un Pronto soccorso di una clinica privata barese chiuso dopo la scoperta di una infermiera contagiata: questi gli ultimi accadimenti più rilevanti nell’ambito dell’epidemia da Covid 19. Mentre i numeri danno una flessione del numero di nuovi contagiati: su 1.974 test 38 positivi.

Occhi puntati dall’Asl di Taranto sul villaggio turistico di Castellaneta marina che con i suoi quattro casi ha dato il via alla laboriosa ricerca dei contatti avuti tra queste persone ed altre cui avrebbero potuto “passare” il coronavirus.

Un locale chiuso nel Brindisino

Stesso lavoro in atto nel Salento: nella festa privata individuata dai carabinieri e dai poliziotti di Taurisano allertati da alcuni vicini, c’erano oltre cento persone rintracciate grazie ad un done che ha segnalato il punto esatto del ritrovo non autorizzato. Una quarantina sono state individuate. Non si escludono denunce e altri provvedimenti per gli organizzatori di un evento in cui non vi era né il rispetto delle distanze né l’uso di mascherine protettive. Un locale è stato chiuso a Torre Santa Susanna (Brindisi) per inosservanze del genere.

Il Pronto soccorso della Mater Dei di Bari è al momento ancora chiuso dopo il rinvenimento dell’operatore sanitario trovato positivo al Covid e la conseguente sanificazione dei locali del reparto. Sono in atto tamponi per una cinquantina di persone. Si è appreso che l’infermiera faceva parte dei gitanti tornati in regionale dalla Calabria.

I Sindaci a chi rientra: “Autosegnalatevi”

Sempre sul versante rientri senza autosegnalazione agli uffici sanitari regionali, va registrato poi l’appello di alcuni centri del Barese ai giovani i quali, sottovalutando il possibile danno che possono arrecare a familiari e amici, possono creare focolai d’infezione ed anche contagi limitati ma potenzialmente possono sempre dar vita ad altri casi.

I numeri di oggi, infine, lasciano il primo posto ancora alla provincia di Bari: 28 positivi su 38 totali. L’Asl scrive che 15 di questi provengono da contatti diretti con persone contagiate; tre da vacanze in Sardegna; nove dopo accertamenti; uno dal Pronto soccorso. Dal Pronto soccorso è stato individuato anche l’unico caso del Leccese.

In provincia di Foggia i nuovi casi sono sei: due stranieri che risiedono in provincia, quattro positivi con contatti con contagiati, uno da fuori regione.